22 febbraio 2020
Aggiornato 19:00
Superbike | Test Phillip Island

Inizia l'ultimo test, e spunta la Ducati con Melandri

In Australia scattano le prove in vista della tappa inaugurale del Mondiale: e la prima giornata la chiude in testa Macio in sella alla sua rossa Panigale R

Marco Melandri in sella alla Ducati Panigale R sulla pista di Phillip Island
Marco Melandri in sella alla Ducati Panigale R sulla pista di Phillip Island Ducati

PHILLIP ISLAND – Il team Ducati ha dato ufficialmente il via alla stagione 2018 scendendo in pista a Phillip Island (Australia) per i consueti test che anticipano il round di apertura del campionato mondiale Superbike. Nella prima di due giornate di prove in programma la squadra è stata protagonista di un debutto positivo, come testimonia il primo tempo ottenuto da Marco Melandri. Leggermente più attardato Chaz Davies, decimo, che ha preferito adottare un approccio graduale anche alla luce delle condizioni non ottimali della pista dovute alle forti raffiche di vento, soprattutto per evitare il rischio di riaggravare le proprie condizioni fisiche dopo l’infortunio sostenuto alla fine dello scorso anno.

Marco al comando
Melandri, autore di 63 giri in totale, ha realizzato il miglior tempo nella sessione mattutina con un 1:30.726 per poi lavorare a lungo con gomme usate. Il ravennate, unico ad abbattere il muro di 1:31 fin qui, ha così confermato la propria predilezione per il tracciato australiano dove ha già raccolto cinque podi in carriera. «È stata una giornata positiva, a prescindere dalle condizioni meteo non ottimali – ha raccontato Macio – Il vento era molto forte ed imprevedibile, per questo non è stato possibile abbassare ulteriormente i tempi nel pomeriggio, ma abbiamo lavorato bene con tutta la squadra, trovando subito un buon feeling con la moto. Dopo aver valutato tutti i componenti nei test precedenti, qui abbiamo potuto concentrarci maggiormente sulla prestazione. Un anno di esperienza con la Panigale R sicuramente rappresenta un vantaggio, soprattutto per quanto riguarda l’elettronica. Le gare comunque saranno sicuramente diverse, quindi dobbiamo mantenere alta la concentrazione».

Chaz prova molto
Davies ha gradualmente preso confidenza con la sua Panigale R, svolgendo numerose prove comparative con la Panigale R in configurazione 2018 e chiudendo con un personale di 1:32.054. «Abbiamo provato tante cose oggi, ed abbiamo un'idea di base per rifinire ulteriormente ciò che ha funzionato bene e ciò che necessita aggiustamenti – ha spiegato il gallese – Dobbiamo ancora mettere insieme il pacchetto ideale ma, considerando che le condizioni non erano ottimali, penso che abbiamo fatto un bel lavoro. Fisicamente mi sento meglio, e la cosa mi rende felice. È importante non fare cose stupide ed essere colto di sorpresa o fare errori qui nel primo giorno di test. Praticamente abbiamo usato soltanto due treni di gomme, l'obiettivo non era quello di fare un giro veloce ma piuttosto di capire meglio il materiale a nostra disposizione. La priorità è di avere una moto che possa essere il punto di riferimento su ogni pista». Il team Ducati tornerà in pista domani a partire dalle 9:10 locali per la seconda giornata di test in vista del primo round, in programma dal 23 al 25 febbraio sulla stessa pista.