20 novembre 2019
Aggiornato 18:30

La cessione di Verdi aiuterebbe anche il Milan

L'attaccante del Bologna è richiestissimo da diverse società di serie A, un'operazione che interessa indirettamente anche i rossoneri

Simone Verdi, attaccante del Bologna
Simone Verdi, attaccante del Bologna ANSA

MILANO - Simone Verdi è uno dei talenti sbocciati in questo primo scorcio di stagione, pronto a riconfermarsi anche nel 2018. L'attaccante nativo di Pavia ha già realizzato nel girone d'andata 6 reti, vale a dire lo stesso numero di gol messo a segno in tutto lo scorso campionato, stabilendo anche il primato della doppietta realizzata contro il Crotone su punizione, calciando con entrambi i piedi, una prerogativa che pochissimi calciatori hanno nel panorama internazionale. Ma non solo, Verdi si sta dimostrando maturo dopo qualche anno di difficoltà e in cui faceva fatica ad emergere perfino in serie B; oggi è un attaccante completo, abile in zona gol, ma decisivo anche come uomo assist, una fortuna per il Bologna, per Roberto Donadoni e per tutti coloro che con pochi spiccioli lo hanno acquistato al fantacalcio.

Futuro interessato
Su Verdi, logicamente, è pronta a scatenarsi una vera e propria asta, perchè la punta del Bologna ora fa gola a tanti, in particolar modo ad Inter e Napoli che già da qualche settimana stanno tampinando di telefonate la dirigenza emiliana per avere il calciatore già a gennaio, ipotesi però che la società bolognese vuol respingere fermamente per non perdere il proprio miglior giocatore con metà campionato ancora da giocare. Ma a giugno Verdi è pronto al grande salto, al confronto con società più ambiziose che concorrono per traguardi importanti in Italia e all'estero; che sarà Inter o Napoli lo vedremo dunque a breve, in ogni caso c'è chi è indirettamente interessato al futuro del numero 9 del Bologna ed è il Milan, società nella quale Verdi è cresciuto. Già, perchè i rossoneri vantano una percentuale economica col Bologna (a cui hanno ceduto il ragazzo classe 1992 per meno di 2 milioni di euro) in caso di cessione del calciatore: qualora Verdi fosse ceduto, infatti, il club milanista avrebbe diritto al 20% del prezzo del cartellino. La cifra di cui si parla per Verdi è di 25 milioni, 5 dei quali andrebbero a quel punto direttamente nelle casse di Milanello; dopo aver lasciato partire un talento che sta sbocciando, insomma, il Milan potrebbe almeno guadagnare qualche soldino, pensando che Verdi costerà al nuovo acquirente la stessa cifra versata dai rossoneri per prelevare Kalinic dalla Fiorentina.