15 ottobre 2019
Aggiornato 23:30

La vendetta di Montezemolo: «Parlare è facile, vincere è difficile»

L'ex presidente della Ferrari si prende la sua rivincita, punzecchiando con un pizzico di soddisfazione il suo successore Sergio Marchionne per gli errori commessi dalla Scuderia negli ultimi Gran Premi: «Credo che adesso tutti se ne rendano conto. Ma siamo vicini, con questa macchina è giusto crederci»

Il brindisi di Luca Cordero di Montezemolo alla presentazione di Italo Evo
Il brindisi di Luca Cordero di Montezemolo alla presentazione di Italo Evo ANSA

ROMA – Anche l'ex presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha detto la sua sui troppi errori che hanno caratterizzato gli ultimi risultati della Rossa di Maranello. Non senza un pizzico di soddisfazione per il senso di rivincita nei confronti del suo successore Sergio Marchionne. Oggi si trova nella posizione di poter ribaltare quelle critiche che in passato lo sommergevano, quando era lui a tenere le redini del Cavallino rampante. «Parlare è facile, vincere è difficile. Credo che adesso tutti se ne rendano conto, ma siamo vicini. L'importante – ha punzecchiato a margine della presentazione del pendolino Italo Evo – è avere una macchina veloce, poi l'affidabilità si mette a posto e appena si mette a posto la meccanica si tornerà a vincere. La Ferrari avrebbe potuto fare il primo e il secondo posto nelle ultime due gare. Meglio avere una macchina veloce che rischia di rompersi di una affidabile che però sta dietro», aggiunge.

Provarci fino alla fine
Quanto alle speranze che a vincere il titolo iridato alla fine della stagione sia proprio Sebastian Vettel, Montezemolo replica con realismo ma, nonostante tutto, anche con ottimismo: «Il Mondiale è difficile, ma mancano ancora cinque gare e con questa macchina è giusto crederci».

(da fonte Askanews)