2 dicembre 2020
Aggiornato 23:00
Formula 1 | Gran Premio d'Ungheria

Ricciardo davanti, ma Raikkonen batte le Mercedes

Il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Ungheria è firmato dalla Red Bull, ma la Ferrari può sorridere per il secondo posto di Kimi, con Lewis Hamilton terzo e Valtteri Bottas quinto. Sebastian Vettel pensa invece a provare una nuova aerodinamica

BUDAPEST – Tra i due litiganti il terzo gode: è Daniel Ricciardo a far segnare, al volante della sua Red Bull, il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Ungheria (1:18.486), avvicinandosi già a pochi centesimi dal record assoluto del circuito che resiste ormai da tredici anni. Ma la Ferrari può iniziare il weekend di gara con il sorriso, grazie al secondo posto di Kimi Raikkonen: rimasto a lungo fermo ai box per un lavoro di regolazione e controllo al retrotreno, supervisionato dal direttore tecnico Mattia Binotto in persona, Iceman è tornato in pista nella fase finale portandosi a un paio di decimi dalla testa e soprattutto scavalcando le Mercedes. Lewis Hamilton è infatti terzo, staccato di un ulteriore decimo dal pilota finlandese, mentre si mette alle spalle Max Verstappen e Valtteri Bottas, rimasti sopra il muro del'1:19.

I collaudi di Vettel
Solo sesto, invece, Sebastian Vettel, ad oltre un secondo dal suo ex compagno di squadra Ricciardo. Il ferrarista tedesco, protagonista anche di un testacoda a inizio turno alla curva 12, si è però concentrato sul collaudo della nuova aerodinamica e del nuovo fondo che sono giunti a Budapest proprio stamattina direttamente da Maranello. La sua SF70H è rimasta infatti ferma ai box per oltre mezz'ora prima di riprendere la via del circuito (dove ha perso anche un'appendice nel passaggio su un cordolo), pur continuando a lamentare sovrasterzo e difficoltà a portare in temperatura le gomme posteriori. Un problema piuttosto diffuso in tutte le squadre durante la sessione di questa mattina: a farne le spese è stato anche il nostro Antonio Giovinazzi, nuovamente impegnato con la Haas, che si è girato alla curva 11 danneggiando la monoposto americana e dovendo così abortire l'ultima ora di prove. La Formula 1 torna in pista oggi pomeriggio alle 14 per le seconde libere.