20 febbraio 2020
Aggiornato 13:00
Calcio

Inter ad un passo da Vecino, ma i tifosi rumoreggiano

I nerazzurri sono pronti a pagare alla Fiorentina l’intera clausola di 24 milioni per il centrocampista sudamericano, il popolo interista si aspetterebbe però ben altro

Matias Vecino, centrocampista uruguaiano della Fiorentina
Matias Vecino, centrocampista uruguaiano della Fiorentina ANSA

MILANO - Da una parte c’è la società Inter che giura e spergiura che il prossimo anno verrà allestita una formazione competitiva, dall’altra ci sono i tifosi che dopo una stagione deprimente come l’ultima, si aspettano la riscossa della squadra ora affidata a Luciano Spalletti. Per rinforzare una rosa giunta settima in campionato servirebbe se non una rivoluzione, quantomeno una decisa restaurazione, operazione che al momento la dirigenza interista non sta attuando. L’arrivo di Skriniar (pagato peraltro uno sproposito) e quello di Borja Valero non potevano e non possono certo bastare a colmare la distanza fra l’Inter e l’alta classifica, ed in effetti i nomi usciti sui giornali (Nainggolan, Vidal, Martial) lasciavano pensare ad una sostanziosa campagna acquisti; ora ecco però che i nerazzurri hanno messo le mani sul centrocampista della Fiorentina Vecino, per il quale verrà pagata l’intera clausola di 24 milioni di euro e che presto raggiungerà il ritiro di Spalletti. Spulciando sui social network, il popolo interista è tutt’altro che soddisfatto: si va dal «Chi è Vecino?», al più duro «Basta mediocri, vogliamo i campioni», fino al quasi simpatico «Vecino alla depressione». La disponibilità economica del gruppo Suning è illimitata, dicono, al momento però nessuno se n’è accorto, l’Inter ha speso all’incirca 60 milioni di euro per tre buoni calciatori, buoni per alzare il livello medio dell’organico, meno a rendere Spalletti così sicuro di raggiungere uno dei primi quattro posti della prossima serie A.