18 giugno 2019
Aggiornato 17:30

Il Milan fa sul serio per Keita e Biglia: offerti 40 milioni alla Lazio

Fassone e Mirabelli mettono sul piatto una cifra importante per i due laziali in scadenza di contratto tra 12 mesi. Lotito per ora rilancia, sparando una richiesta di 55 milioni, ma è lecito supporre che tra qualche giorno la Lazio possa arrivare a più miti consigli e accettare la più che congrua proposta rossonera.

L'attaccante della Lazio Keita Balde Diao
L'attaccante della Lazio Keita Balde Diao ( ANSA )

MILANO - Non è stato un viaggio di piacere quello alla volta di Roma intrapreso nella giornata di ieri da Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. Almeno questo possiamo darlo per scontato. Quello che ancora non è chiaro è se il presidente Lotito, incontrato dai due dirigenti rossoneri, abbia preso seriamente in considerazione l’offerta del Milan per Lucas Biglia e keita Balde Diao oppure confidi ancora in una specie di miracolo contrattuale all’ombra del Cupolone.

Addio imminente
Riepiloghiamo i fatti. I due calciatori della Lazio sono in scadenza 2018, quindi entrambi nella non piacevole situazione - per il club biancoceleste - di dover firmare un prolungamento per il rinnovo oppure essere ceduti subito, per non andar via tra 12 mesi a parametro 0. Se per l’attaccante senegalese non ci sono mai stati dubbi sulla reale volontà del ragazzo di chiudere anzitempo la sua esperienza laziale, sul fronte argentino sembravano esserci segnali opposti. Merito del grande sforzo fatto dal presidente Lotito di offrire al suo non più giovane regista (classe 1986) un triennale a 2,8 milioni di euro l’anno.

Biglia-Lazio, rottura
All’improvviso però qualcosa si è rotto, nella fattispecie il rapporto tra il vulcanico presidente biancoceleste e Enzo Montepaone, procuratore di Lucas Biglia. Alla base sempre una questione di soldi, ma stavolta relativi alla commissione da corrispondere all’agente: 2 milioni richiesti, molto meno quelli offerti da Lotito.
In questa inattesa spaccatura, sono stati rapidi ad infilarsi Fassone e Mirabelli, pronti a fiondarsi a Roma sia per parlare con l’entourage del trentunenne regista argentino, sia per mettere le basi di una complicata trattativa con il patron laziale.

Lotito non ci sta
Se l’accordo con Biglia è stato rapidamente trovato sulla base di un triennale a 3 milioni più bonus, quello sul fronte Lazio appare ancora in alto mare. Malgrado un’importantissima offerta da parte del Milan, 40 milioni per entrambi i calciatori, Lotito ha sparato alto: 20 milioni per Biglia, 35 per Keita. Totale 55 milioni, ben 15 in più rispetto a quelli messi sul piatto da Fassone e Mirabelli.

La proposta del Milan
A rigor di logica, se i due giocatori della Lazio dovessero impuntarsi e non accettare la proposta di rinnovo, le carte in tavola potrebbero rapidamente cambiare e costringere il numero uno biancoceleste a più miti consigli. D’altronde 25 milioni per Keita, più 15 per il trentunenne Biglia, entrambi con appena 1 anno di contratto, sembrano a tutti gli effetti un’offerta più che dignitosa e conveniente per la Lazio. Probabilmente toccherà aspettare ancora qualche giorno, quando Lotito avrà la consapevolezza definitiva di non poter più mutare l’ordine delle cose e quindi sarà costretto a cedere. D’altronde incassare 40 milioni per due calciatori liberi gratuitamente tra 12 mesi sembra comunque una mossa molto intelligente. E questo a Roma l’hanno capito bene.