19 luglio 2024
Aggiornato 01:00
Resiste la rivalità tra i due ex compagni di squadra

Jorge Lorenzo, ci risiamo con la polemica: «Cambiano gomme perché lo chiede Valentino Rossi»

Anche dopo un weekend positivo come quello del suo primo podio in Ducati, Por Fuera non riesce proprio a trattenersi. Protesta per l'anteriore più duro che potrebbe rientrare in gara dal Mugello, eppure a preferirlo non è solo il Dottore, ma anche il suo amico Marc Marquez

Jorge Lorenzo sulla griglia di partenza di Jerez
Jorge Lorenzo sulla griglia di partenza di Jerez Foto: Michelin

JEREZ DE LA FRONTERA – Anche dopo un weekend da ricordare, quello del Gran Premio di Spagna, che gli ha portato in dote il suo primo podio con la Ducati, Jorge Lorenzo non ce la fa proprio a tenersi lontano dalle polemiche. Specialmente quando riguardano la sua bestia nera, il suo ex compagno di squadra Valentino Rossi. Stavolta a scatenare il campione maiorchino sono state le gomme, in particolare quella anteriore dalla carcassa più dura, utilizzata lo scorso anno e che, proprio su richiesta del Dottore, la Michelin ha riportato ai test dopo-gara di Jerez in vista di un possibile riutilizzo in gara a partire dal Mugello. Ecco, a Por Fuera, questa mossa del gommista francese non è proprio andata giù: «Quella gomma non sono riuscito a provarla a lungo, l'ho usata per appena due o tre giri – ha commentato a prove concluse – Ma di sicuro non è migliore, anzi, forse è leggermente peggiore a centro curva. Perciò metà dei piloti dicono che è un po' migliore, l'altra metà che è un po' peggiore. È un peccato se la Michelin decidesse di cambiare solo perché lo chiede un leader (Valentino Rossi, ndr). Penso che sarebbe più intelligente mantenere le gomme che abbiamo oggi e intanto provare nuove costruzioni finché si trova quella che piace a tutti. Non so cosa stia accadendo, ma voglio parlarne con loro». Secondo il cinque volte iridato, quello pneumatico utilizzato nel Gran Premio conclusivo della passata stagione è studiato infatti per favorire quelle moto e quei piloti più aggressivi in staccata: «Beh, chi frena in modo violento dice che è un po' più stabile – prosegue il ducatista – Io la trovo più o meno uguale in frenata, ma sento leggermente meno aderenza in piega. Ad essere onesto, non l'ho provata molto, e comunque posso cambiare da un anteriore all'altro. A Valencia andò bene, qui l'ho trovata leggermente peggiore».

Ma anche Marquez è a favore
È vero, in effetti, che il primo a chiedere il ritorno al passato per la gomma davanti è stato Valentino Rossi (per via della sua maggior sensibilità sull'anteriore, ha spiegato a noi del Diario Motori il responsabile della Michelin, Piero Taramasso). Ma, al contrario di quanto sostiene Lorenzo, il fenomeno di Tavullia non è l'unico a gradire la vecchia costruzione. Basta ascoltare il parere di altri suoi colleghi come Andrea Iannone, Cal Crutchlow e perfino il suo amico Marc Marquez: «La preferisco – ha sostenuto senza mezzi termini il campione del mondo in carica – La differenza sta nei piccoli dettagli. Comunque, in questa gomma vecchia non trovo alcun lato negativo, solo positivi. Era più rigida e quindi più stabile in frenata, ma anche in curva. Mi piace, spero che la introducano in gara, anche se devono prima ascoltare le opinioni di tutti i piloti in commissione sicurezza. Vedremo». Dunque, caro Jorge, sei ancora convinto che la decisione dipenda solo da Valentino?