28 febbraio 2021
Aggiornato 10:30
Calciomercato Milan

Milan-Morata, contatto: lo spagnolo dice si

Inizia a prendere forma la trattativa che potrebbe portare il Milan a mettere le mani sul bomber spagnolo Alvaro Morata. L’agente del calciatore chiede 7 milioni l’anno, cifra che Fassone e Mirabelli avevano messo in preventivo. Ora non resta che trattare con il Real Madrid.

MILANO - Malgrado la lista dei nomi papabili per il ruolo di futuro centravanti del Milan si arricchisca quotidianamente di nuovi elementi (l’ultimo di ieri, Dzeko, è andato ad aggiungersi ai vari Aubameyang, Benzema, Lacazette, Belotti) il sogno della dirigenza rossonera è uno solo: Alvaro Morata.

È indubitabilmente lo spagnolo del Real Madrid l’obiettivo individuato da Fassone e Mirabelli per innervare l’attacco del prossimo Milan, ma soprattutto per rinvigorire la passione dei tifosi milanisti, ammorbati, immalinconiti, mortificati da un lunghissimo quinquennio di delusioni e brutte figure.

Non più un miraggio

Quello che però fino ad appena un paio di giorni fa sembrava poco più di un miraggio di mercato, il classico sogno irraggiungibile, da oggi inizia ad assumere dei contorni meno sfumati, più nitidi, perfino colorati. Come riporta anche il quotidiano La Repubblica oggi in edicola, la nuova task force di mercato di via Aldo Rossi, avrebbe già iniziato a muoversi per sondare il terreno tra Madrid e dintorni, tanto da aver perfino incontrato all’inizio della settimana (martedì a Casa Milan, alla presenza dell'intermediario Beppe Bozzo) Juanma Lopez, il manager che gestisce la procura di Alvaro Morata.

La richiesta di Morata

Ebbene, il centravanti della nazionale spagnola avrebbe dato una risposta affermativa alla richiesta di Fassone e Mirabelli di accettare un eventuale trasferimento al Milan. In cambio il manager dell’ex juventino avrebbe chiesto un contratto da 7 milioni (poco meno dei 7,5 milioni netti che i rossoneri avevano offerto al gabonese Aubemayang) e naturalmente una maglia da titolare che Montella mai si sognerebbe di negargli.

Occhio alla Premier

La difficoltà a questo punto è rappresentata dal Real Madrid, che ha già dichiarato di essere disposto a privarsi del bomber solo in cambio di 80 milioni di euro, cifra un po’ superiore rispetto ai 60 messi in preventivo da Fassone e Mirabelli. Come si evince però, non si tratta di ostacoli insormontabili, ragion per cui è lecito sperare in un positivo esito dell’affare. L’unico vero problema, da qui in avanti, potrebbe essere rappresentato da un eventuale rilancio di Chelsea e Manchester United. Se le big di Premier dovessero decidere di affondare il colpo sulla base di cifre multimilionarie, allora il Milan dovrà probabilmente alzare bandiera bianca. Ma per ora il club rossonero c’è e i tifosi possono tornare a sognare in grande.