17 febbraio 2020
Aggiornato 20:30
Grandi aspettative per la moto italiana

La favorita sull'inedito Red Bull Ring? È la Ducati

Gli ultimi test a luglio sul circuito austriaco, che fa il suo ritorno nel Mondiale dopo quasi vent'anni, avevano rivelato la competitività della Desmosedici GP: «Ci siamo adattati bene e siamo stati i più veloci», ammette Iannone

Andrea Iannone in azione davanti a Jorge Lorenzo
Andrea Iannone in azione davanti a Jorge Lorenzo Michelin

ZELTWEG – Dopo la pausa estiva di tre settimane la Ducati arriva nel cuore dell’Austria, sull’autodromo Red Bull Ring nei pressi di Zeltweg, per il decimo appuntamento del campionato mondiale 2016. L’arrivo della MotoGP sullo spettacolare impianto austriaco segna l’inizio della seconda parte della stagione che terminerà fra tre mesi a Valencia. Subito dopo la gara del Sachsenring, il Red Bull Ring era stato teatro di due giorni di test privati in preparazione del GP d’Austria. I piloti Andrea Iannone, che in questi giorni ha festeggiato il suo ventisettesimo compleanno, e Andrea Dovizioso per l’occasione erano stati affiancati da Casey Stoner in veste di collaudatore, avevano dimostrato la grande competitività della Desmosedici GP sul velocissimo tracciato austriaco, piazzandosi nelle prime tre posizioni.

Subito a loro agio con la pista
«Il Red Bull Ring è una pista nuova per tutti – commenta il Maniaco – ma nei test di luglio noi ci siamo adattati subito molto bene e siamo sempre stati i più veloci. Il tracciato è molto bello e si adatta bene alla nostra Desmosedici GP. Su questa pista ho trovato un buon feeling con la mia moto fin da subito e questo è un aspetto molto positivo in vista della gara». Per Desmodovi «la pista austriaca si adatta molto bene alla nostra moto, con accelerazioni in prima e seconda marcia e con rettilinei medio-lunghi, e quindi per noi è abbastanza facile essere veloci. Anche se nei test abbiamo dimostrato una grande competitività, sarà importante capire che gomme porterà la Michelin per il GP, perché il consumo è particolarmente elevato, si scivola tanto e le gomme faranno fatica a completare la distanza della gara».

Wild card per Michele Pirro
A Zeltweg sarà presente in gara anche Michele Pirro, schierato come wild card con la terza Desmosedici GP del Ducati test team. Il pilota pugliese, fresco vincitore delle gare di Misano nel campionato italiano Superbike, scenderà in pista per la settima volta in questa stagione della MotoGP. «Sono contento di tornare a correre con la mia squadra dopo le ultime esperienze in sostituzione di Petrucci e Baz – commenta – La pista di Zeltweg mi piace molto, e nei test sono riuscito a fare circa venti giri: non molti ma in ogni caso adesso abbiamo dei dati con cui partire venerdì mattina. Il tracciato sembra che si addica in modo particolare alle caratteristiche della Ducati, e quindi sono convinto che potremo fare un gran weekend sia io che i due Andrea».