31 ottobre 2020
Aggiornato 19:30
Nuove generazioni del motociclismo

Il pupillo di Valentino si infortuna, e lui...

Franco Morbidelli, allievo del Dottore nella sua Academy e pilota di Moto2, cade durante un allenamento in motocross e si frattura la gamba destra. E mentre lo accompagna in ospedale, Rossi fa felice anche un giovane fan

FAENZA – Brutta disavventura per Franco Morbidelli: il pilota romano di Moto2 è infatti caduto martedì, durante un allenamento in motocross sulla pista Monte Coralli di Faenza, fratturandosi la tibia e il perone della gamba destra. Per il 20enne del team Italtrans si è reso necessario il ricovero immediato all'ospedale di Rimini, dove è stato operato dai chirurghi Giancarlo Lucidi ed Alberto Morigi. L'intervento è andato a buon fine e il giovane centauro potrà presto cominciare la riabilitazione, ma certamente salterà almeno la prossima gara, in programma tra una settimana a Silverstone, mentre resta aperto uno spiraglio per il suo ritorno alle gare già nella corsa di casa a Misano del 13 settembre. Un brutto intoppo per il promettente talento italiano, che proprio due domeniche fa a Indianapolis era salito per la prima volta sul podio: «Ci dispiace moltissimo. L'incidente avviene proprio in un periodo nel quale Franco stava rendendo al meglio – ha commentato il team manager Luigi Pansera – Solo dieci giorni fa ha ottenuto il podio negli Stati Uniti ed eravamo certi di una progressione importante. In questo momento quello che conta è la sua salute, e solo quella. Siamo al suo fianco per aiutarlo in quelle che possono essere le necessità del momento e lo aspettiamo per affrontare assieme il finale di stagione».

Il siparietto in ospedale
Ma l'incidente ha colpito molto anche Valentino Rossi, di cui Morbidelli è allievo nell'Academy, tanto da essersi trasferito a vivere a Tavullia. Il Dottore, infatti, si è subito recato in ospedale per accompagnare il suo pupillo che stava ricevendo le prime cure. E qui è stato protagonista di un episodio curioso: un incontro con un altro motociclista ancora più giovane, di appena otto anni, anch'egli caduto mentre girava con una minimoto. Il campione pesarese, avvisato della presenza del piccolo Giacomo al pronto soccorso, ha voluto incontrarlo e scambiare qualche parola con lui. Per la gioia del papà, che lo ha pubblicamente ringraziato su Facebook: «Grande Vale, grazie per la disponibilità ieri sera a Faenza con il mio cucciolo. Non gli ricapiterà mai più di cadere in moto, andare al pronto soccorso e incontrare Rossi». L'avventura si è conclusa poi nel migliore dei modi: il bimbo se l'è infatti cavata solo con qualche escoriazione.