29 marzo 2020
Aggiornato 20:30
Coppa America

Venezuela sfortunato, Paraguay in finale

Il Paraguay, che non ha vinto una sola partita, affronterà l'Uruguay a Buenos Aires

BUENOS AIRES - È il Paraguay la seconda finalista della Coppa America 2011. In semifinale la nazionale albiroja batte il Venezuela 5-3 dopo i calci di rigore (0-0 al 120') e, dopo 32 anni, raggiunge la finale che si terrà domenica prossima allo stadio Monumental di Buenos Aires. Finale ad alta tensione, con una maxi rissa scoppiata tra il corpo tecnico ed i giocatori di entrambe le squadre al termine della serie di rigori.

La partita contro il Venezuela ha seguito lo stesso copione dei quarti di finale con il Brasile, con il Venezuela che ha condotto la gara per lunghi tratti senza però trovare la via del gol. Il Paraguay si è affidato ancora una volta alla sua solida difesa e, soprattutto, al suo portiere, Justo Villar, protagonista come contro la Selecao. Il Venezuela sfiora più volte il vantaggio già nei primi 45 minuti: prima si vede annullare una rete per fuorigioco passivo su colpo di testa del difensore Vizcarrondo, poi colpisce una traversa con l'attaccante Alejandro Moreno, seguita da una prodezza di Justo Villar sulla ribattuta di Salomon Rondon.

Nel secondo tempo non succede niente, la partita si trascina ai tempi supplementari ma il Venezuela è ancora una volta sfortunato: Fedor colpisce in pieno la traversa con un colpo di testa, poco dopo è ancora il legno a respingere la violenta punizione dalla distanza di Arango. Si va ai rigori, dove è ancora una volta Villar il grande protagonista: il portiere blocca la conclusione di Lucera, Veron segna il rigore decisivo e fa sognare il Paraguay, che approda alla finale senza aver vinto una partita in tutto il torneo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal