4 giugno 2020
Aggiornato 16:30
Antiossidanti e caffè

Caffè, il meglio lo ottieni quando è caldo

Uno studio dimostra che il caffè caldo è meglio di quello freddo: contiene più antiossidanti. E non è vero che è più acido

Caffè
Caffè Shutterstock

Meglio il caffè caldo o quello freddo. Forse la domanda si pone poco durante la stagione fredda, tuttavia – sia durante l’estate o in certe occasioni – in certe situazioni si potrebbe essere in dubbio su quale scegliere. Secondo i ricercatori della Thomas Jefferson University negli Stati Uniti non vi sarebbero invece dubbi: se vogliamo ottenere il massimo degli antiossidanti contenuti nel caffè è meglio berlo caldo.

Antiossidanti nel caffè
Sia chiaro, non è che il caffè freddo non contenga antiossidanti, ma se si vuole assumerne di più, la scelta migliore è il caffè caldo. Specie se si vogliono sfruttare quelle che gli esperti ritengono essere le proprietà benefiche del caffè. In particolare, la prof.ssa Niny Rao e colleghi hanno esplorato alcuni benefici per la salute misurabili, tra cui un minor rischio di alcuni tipi di cancro, diabete e depressione offerti dal caffè, rigorosamente caldo.

Più acidi titolabili
In questo studio, i ricercatori hanno dimostrato che il caffè caldo conteneva più acidi titolabili totali, ossia qualsiasi acido che potesse perdere il protone (i) in una reazione acido-basica, che potrebbe essere responsabile dei più alti livelli di antiossidanti del caffè caldo. «Il caffè ha molti antiossidanti – ha spiegato Megan Fuller, Assistant Professor della Varsity University – Se lo bevi con moderazione, la ricerca mostra che può essere abbastanza salutare. Abbiamo scoperto che la bevanda calda ha una maggiore capacità antiossidante».

Caldo è meno acido, anzichenò
Dai risultati pubblicati nella rivista Scientific Reports si scopre anche che la credenza relativa all’acidità del caffè, differente se caldo o freddo, è errata. Se infatti sia le aziende produttrici di caffè che i siti Internet in cui si parla di caffè o nutrizione ritengono che il caffè caldo sia più acido di quello freddo, pare si sbaglino. I ricercatori hanno infatti rilevato che i livelli di pH del caffè caldo e freddo erano simili, e compresi tra 4,85 e 5,13 per tutti i campioni di caffè testati. Per questo motivo, non sarebbe vero che il caffè caldo può causare bruciore di stomaco o problemi gastrointestinali più che quello freddo. «E considerando che le bevande calde e fredde hanno livelli di pH comparabili, i bevitori di caffè non dovrebbero considerare quello freddo come una ‘pallottola d’argento’ per evitare il disagio gastrointestinale», ha concluso la prof.ssa Niny Rao.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal