29 novembre 2021
Aggiornato 10:00
Autocertificazione

Vaccini, controlli del Nas nelle scuole: 22 infrazioni individuate

Il Parlamento individuerà una soluzione equilibrata. L'autocertificazione e il rischi di false dichiarazioni

Con l’autocertificazione è facile che ‘qualcuno’ possa fare il furbo, presentando false dichiarazioni – come è già accaduto. Per questo è importante non abbassare la guardia. «Rispetto all’emendamento sui vaccini presentato ieri in commissione nell’ambito del decreto Milleproroghe – precisa il ministro della Salute, Giulia Grillo – sono fiduciosa che il Parlamento riesca a individuare, grazie al lavoro della maggioranza e dei relatori, una soluzione equilibrata. Voglio intanto segnalare che dal 4 settembre, il Nucleo Antisofisticazione dei Carabinieri ha avviato controlli a tappeto nelle scuole di tutto il Paese per accertare la veridicità delle dichiarazioni e delle autocertificazioni presentate all’avvio di quest’anno scolastico».

L’attività di controllo: scoperte irregolarità
«Nei primi due giorni di attività – riferisce Grillo – sono già stati monitorati 513 istituti, esaminate 15.402 tra certificazioni (7.088) e autocertificazioni (8.314) e rilevate 22 infrazioni (ossia lo 0,14%). Le verifiche proseguiranno nei prossimi giorni e hanno già toccato le principali città italiane: Milano con 155 istituti e 3 infrazioni su 6.209 documenti; Roma con 190 scuole e 7 irregolarità su 3.929 controlli e Napoli con 168 strutture e 12 infrazioni su 3.945 documenti esaminati».
«Voglio ringraziare personalmente i Carabinieri del Nas per l’importante lavoro che stanno svolgendo – conclude il ministro – e che rafforza l’alleanza tra le istituzioni e i cittadini. Siamo tutti impegnati nella tutela del diritto della Salute a partire da quella dei più fragili».