20 settembre 2019
Aggiornato 22:00
Antibiotici e cancro

Antibiotici, possono compromettere la guarigione dal cancro

Assumere gli antibiotici potrebbe essere pericoloso per i pazienti oncologici. I farmaci bloccano le difese immunitarie

Antibiotici contro il cancro
Antibiotici contro il cancro Shutterstock

L’abuso di antibiotici sta causando un vero e proprio dramma dal punto di vista sanitario. Il pericolo più grande a cui andiamo incontro è quello di non riuscire più a combattere infezioni oggi considerate banali. Ma, a quanto pare, questo genere di farmaci potrebbe anche mettere a serio rischio la salute dei pazienti oncologici che potrebbero vedere vanificare le loro cure, quando assunti in eccesso.

Scarsa efficacia
Le persone che hanno assunto o che assumono spesso antibiotici, potrebbero vanificare gran parte delle cure durante un trattamento oncologico. È quanto emerge da un recente studio condotto dall'Università di Augusta negli Stati Uniti.

Pericolo infezioni
L’abuso di antibiotici può rendere le persone resistenti ai farmaci e, di conseguenza, estremamente vulnerabili alle infezioni. Ciò potrebbe influenzare negativamente l’efficacia di un trattamento contro il cancro. Oggi sappiamo che ogni volta che assumiamo un antibiotico esso distrugge letteralmente parte del nostro microbiota intestinale. Quest’ultimo, tra le altre cose, è strettamente correlato alla salute generale e l’evoluzione di varie malattie, tumori compresi.

Microbiota e sistema immunitario
Il microbiota intestinale è essenziale per la salute umana e per l’attivazione delle difese dell’organismo. Tra queste ci sono anche le cellule T, direttamente implicate con la risposta alle terapie anticancro, spiega Gang Zhou del Medical College of Georgia presso l'Università di Augusta.

Il ruolo delle cellule T
Alcune cellule immunitarie, come le T, sono in grado di riconoscere le proteine anormali che si trovano nelle cellule tumorali. Queste hanno la peculiarità di infiltrarsi allo scopo di attaccare la massa cancerosa. Tuttavia, con l’avanzare del numero di cellule tumorali presenti, il cancro impara a trovare diversi stratagemmi per sopprime l’attività delle cellule T. Ma sembra che l’abuso di antibiotici peggiori non di poco la situazione. «Probabilmente dipende da quali tipi di terapia i medici stanno dando ai pazienti e quanto spesso stanno somministrando loro degli antibiotici», ha dichiarato Zhou.

Infezioni e chemioterapia
Tra le molteplici complicazioni causate dalla chemioterapia ci sono le infezioni, che possono mettere a serio rischio la salute del paziente. In genere, per evitare il problema, i medici somministrano quantità più o meno elevate di antibiotici. «Diamo un sacco di farmaci per prevenire le infezioni. I conteggi dei globuli bianchi possono essere così bassi da non avere difese contro i batteri e questa travolgente infezione può essere letale», ha spiegato Bryan, un coautore dello studio. In conclusione i ricercatori hanno scoperto che l’impatto sul microbiota potrebbe essere molto negativo e arrivare al punto di sopprimere la risposta delle cellule T, i nostri principali difensori della salute.