22 ottobre 2018
Aggiornato 00:30

OMS: i ragazzi di oggi fanno troppo poca attività fisica. I rischi per la salute

I giovani di oggi fanno troppa poca attività fisica rischiando problemi cardiaci e metabolici. Le strategie dell’OMS
Attività fisica e giovani
Attività fisica e giovani (Shutterstock.com)

Sono ultraveloci, apprendono a una rapidità eccezionale, studiamo molto di più ma hanno un grosso difetto: si muovo troppo poco. Stiamo parlando dei giovani di oggi che pare svolgano un’attività fisica decisamente inferiore a quella raccomandata per godere di buona salute. Ma i rischi per la salute derivanti dallo stile di vita sedentario non sono pochi e per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia un allarme: il rischio è quello di incappare in patologie molto serie come diabete, malattie cardiovascolari e persino cancro.

L’81% degli adolescenti si muove poco
I ragazzi di età compresa fra gli 11 e i 17 anni fanno troppa poca attività fisica, andando incontro a un rischio non indifferente: un aumento del 30% delle probabilità di morte precoce. Per tale motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta mettendo in atto un piano d’azione globale che mira a dimezzare i sedentari entro il 2025.

Anche gli adulti si muovono poco
L’OMS ricorda, tuttavia, che il problema della sedentarietà non riguarda solo i giovanissimi. Secondo un documento aggiornato a questo mese, il 23% degli adulti al di sopra dei 18 anni non è attivo fisicamente. Percentuale che sale se si prendono in considerazione solo i paesi industrializzati dove le donne arrivano fino al 35%. I paesi in via di sviluppo, invece, registrano una percentuale intorno al 12%. Da ciò si evince che l’inattività spesso è causata da un eccesso di tecnologia. Sono molte, infatti, le persone che nel tempo libero utilizzano i dispostivi elettronici anziché fare del sano movimento.

Si riduce il rischio di cancro (anche per i bambini)
I ricercatori dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda, guidati dal genetista molecolare Justin O’Sullivan, hanno scoperto che i bambini che facevano regolare attività fisica avevano maggiori probabilità di rimanere immuni al rischio di sviluppare il cancro e dall’obesità. Al contrario, avevano maggiori rischi i bambini che conducevano uno stile di vita sedentario.

La memoria delle ossa
I ricercatori hanno anche scoperto che le ossa umane possiedono la capacità memorizzare l’energia generata dall’attività fisica, anche dopo aver smesso di farla. Ciò, anche se può sembrare strano, cambia persino il modo in cui l’organismo digerisce una dieta ad alto contenuto di grassi e calorie. Infine, alcuni ricercatori dell’UCSD hanno evidenziato come le cellule delle persone sedentarie appaiono biologicamente molto più vecchie della loro età reale. Arrivando addirittura a mostrare 8 anni di più. Quindi, se proprio si vuole rimanere giovani più a lungo, meglio fare della sana attività fisica.

Leggi anche: Quanto esercizio è necessario per compensare i letali effetti dello stare seduti tutto il giorno?
Gli stili di vita sedentari sono ritenuti una grande minaccia per la salute pubblica, al pari del fumo. Ma per compensare le ore che si passano seduti a una scrivania, davanti alla Tv e così via è necessario fare attività fisica per un determinato tempo. Questo se si vuole evitare di essere vittime di un evento cardiaco, vascolare o sviluppare altre gravi malattie