27 febbraio 2020
Aggiornato 22:30
Vaccini in patch

Vaccini: arriva il cerotto che sostituisce le iniezioni

Pronto il primo prototipo di vaccino che si somministra tramite un semplice cerotto. Si applica per soli cinque minuti e si può auto-somministrare. Ecco come funziona

Arriva il vaccino che si somministra con un cerotto
Arriva il vaccino che si somministra con un cerotto Shutterstock

Eliminato anche l’ultimo deterrente in fatto di vaccini: al posto della «puntura» da ora in poi ci sarà un cerotto. Niente dolore, quindi, e pochi minuti per l’applicazione. È il primo prototipo di vaccino antiinfluenzale pronto all’uso che si può utilizzare in perfetta autonomia. Ecco l’innovazione medica nata dall’esperienza di alcuni ricercatori statunitensi.

Microaghi
Il nuovissimo dispositivo ha tutte le sembianze di un normalissimo cerotto ma è dotato di microaghi in grado di permettere il rilascio di un farmaco secco. Addio, quindi, a siringhe e dolorose iniezioni: da ora in poi il vaccino antinfluenzale sarà di semplice e veloce applicazione. Tutto questo potrebbe diventare una realtà nel giro di brevissimo tempo grazie alla scoperta dei ricercatori del Georgia Institute of Technology che hanno ideato il prodotto in collaborazione con l’Emory University di Atlanta.

Sperimentazioni in vivo
Secondo quanto riportato su The Lancet, il prototipo del vaccino antinfluenzale è efficace alla stregua di un vaccino tradizionale e la sua semplicità di utilizzo lo rende un prodotto unico e insostituibile. Tuttavia il prototipo dovrà essere ulteriormente sperimentato prima di essere commercializzato. La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health statunitense.

I testi finora effettuati
Durante lo studio i ricercatori hanno suddivido i volontari in quattro gruppi. I primi sono stati vaccinati con un’iniezione standard. Il secondo gruppo ha applicato il cerotto normarle, mentre il terzo un cerotto placebo. L’ultimo gruppo era formato da persone che dovevano inserire il patch in maniera totalmente autonoma. Gli unici effetti collaterali che si sono presentati sono leggeri eritemi e prurito. Sintomi che sono scomparsi nel giro di 48-72 ore.

Cerotti grandi come una moneta
Il dispositivo è di dimensioni estremamente contenute: si piò dire che è poco più grande di una monetina. Nel lato inferiore sono stati inseriti oltre cento minuscoli aghi che, però, sono abbastanza lunghi da penetrare nella pelle. La particolarità è quella di vederli dissolvere in acqua. «La nostra cute è un organo di immuno-sorveglianza, essendo la prima interfaccia con l’esterno, per cui è ben attrezzata per riconoscere i patogeni e montare una risposta contro di loro», spiega Mark Prausnitz del Georgia Institute of Technology.

Bastano pochi minuti
Una volta applicato il cerotto il farmaco secco penetra nella pelle. E, quasi magicamente, a soli cinque minuti dall’applicazione, la punta degli aghi si dissolve completamente. Non resta altro da fare, quindi, che eliminarlo.

Dura a lungo e si può auto-somministrare
Il cerotto potrebbe cambiare per sempre il nostro modo di concepire la vaccinazione. Non solo sarebbe molto più semplice e indolore ma ci si potrà auto-vaccinare. «La potenza del vaccino nel patch non cambia dopo un anno di conservazione a temperatura ambiente, non serve tenerlo in frigo perché è secco e non liquido. Tutto ciò ha il potenziale per cambiare molto le vaccinazioni, semplificandole anche per altri vaccini, non solo l’antinfluenzale: i ricercatori sono al lavoro per creare patch allo scopo di vaccinarsi anche contro altre patologie», ha dichiarato Roderic Pettigrew, direttore del National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering.