24 febbraio 2020
Aggiornato 15:00
Salute del cuore

Vitamina D e attività fisica, l’accoppiata vincente per un cuore in salute

L’esercizio fisico e la vitamina D si combinano per una migliore salute del cuore. Lo studio che mostra come alti livelli di vitamina D riducono in modo significativo il rischio di malattie cardiovascolari

Attività fisica all'aperto e vitamina D per una migliore salute del cuore
Attività fisica all'aperto e vitamina D per una migliore salute del cuore Shutterstock

NEW YORK – La combinazione vincente per una migliore salute del cuore e per ridurre in modo significativo il rischio di malattie cardiovascolari è quella tra viamina D e attività fisica – anche moderata.

Meno rischi
Un nuovo studio condotto dalla Johns Hopkins School of Medicine ha trovato che l’esercizio combinato con livelli più elevati di vitamina D può ridurre il rischio di malattie cardiache (tra cui infarto e ictus) e cardiovascolari. I risultati, pubblicati sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, mostrano infatti che le persone più attive e con i più alti livelli di vitamina D avevano il più basso rischio di future malattie cardiovascolari.

L’analisi
Il responso che vitamina D e attività fisica è vincente è arrivato dopo che i ricercatori hanno analizzato le risposte ai sondaggi e le cartelle cliniche di più di 10mila adulti americani nel corso di un periodo di tempo di 20 anni. L’analisi ha permesso di scoprire un legame sinergico tra esercizio fisico e alti livelli di vitamina D nel ridurre il rischio di infarto e ictus e le malattie cardiovascolari in genere.

Insieme è meglio
Da tempo gli esperti sanno che sia l’attività fisica che la vitamina D sono note per ridurre il rischio di malattie cardiache. Tuttavia si sono sempre prese in considerazione separatamente. Oggi, con questo studio si scopre che gli effetti migliori si hanno con una combinazione dei due fattori. «Nel nostro studio, sia il mancato rispetto dei livelli di attività fisica raccomandati e la carenza di vitamina D avendo erano molto comuni – spiega il dott. Erin Michos, direttore associato di cardiologia preventiva e professore associato di medicina presso il Centro Ciccarone per la prevenzione delle malattie cardiache Johns Hopkins –La linea di fondo è che abbiamo bisogno di incoraggiare le persone a muoversi di più in nome della salute del cuore».

Lo studio
I ricercatori hanno utilizzato i dati relativi allo studio di coorte Atherosclerosis Risk in Communities, e dei 10.342 partecipanti tra il 1987 e il 2013. I partecipanti avevano un’età media di 54 anni all’inizio dello studio, e il 57% erano donne. Sono stati esaminati anche i dati relativi alle visite in studio medico avvenute tra il 1987 e il 1989 per analizzare i livelli di esercizio, e di nuovo nel 1990 e nel 1992 per misurare i livelli di vitamina D. Alla fine, i ricercatori hanno trovato che i livelli di esercizio corrispondevano positivamente ai livelli di vitamina D, mostrando che più una persona aveva fatto attività fisica, più erano elevati i livelli più alti di vitamina D. La seconda parte dello studio ha valutati i soggetti in base agli eventi cardiovascolari avvenuti nel corso degli anni rimanenti dello studio. I risultati hanno mostrato che i partecipanti più attivi e con i più alti livelli di vitamina D avevano il rischio più basso per future malattie cardiovascolari nel corso degli 19 anni di studio. Nello specifico, gli autori hanno scoperto che i partecipanti che seguivano le linee guida raccomandate per i livelli di attività fisica e avevano livelli di vitamina D superiori a 20 nanogrammi per millilitro, avevano un 23% per cento meno probabilità di avere un evento cardiovascolare pericoloso rispetto a coloro che avevano scarsa attività fisica e carenti di vitamina D.