13 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Medicine naturali

Lo Yoga fa bene a chi soffre di asma

Una nuova revisione della Cochrane suggerisce che lo yoga può avere un effetto benefico sia sui sintomi che sulla qualità della vita nelle persone con asma

HONG KONG – Lo yoga potrebbe rivelarsi una valida opzione per chi soffre di asma, riducendo i sintomi, le crisi e migliorando la qualità della vita. Favorendo così la riduzione del ricorso ai farmaci. Questi i risultati di uno studio revisionale pubblicato sulla Cochrane Library.

L’asma
L’asma è una malattia respiratoria cronica che affligge circa 300 milioni di persone in tutto il mondo. Tra i sintomi tipici dell’asma vi sono dispnea (difficoltà di respirazione), tosse, oppressione toracica e mancanza di respiro.

Lo Yoga
L’antica disciplina orientale è da sempre oggetto di numerosi studi. Molti di questi ne hanno confermato la validità e l’utilità nel controllo di diversi disturbi, sia fisici che mentali. Questa nuova revisione va ad aggiungersi alle evidenze di altre ricerche che attestano allo yoga la capacità di agire in positivo nei casi di asma. L’analisi, che riassume i risultati di studi clinici randomizzati, ha infatti permesso di affermare che lo yoga può essere in grado in una certa misura di migliorare la qualità della vita e lenire i sintomi dell’asma. Tuttavia, i ricercatori hanno anche avvertito che sarebbero necessari studi di qualità superiore con più partecipanti di trarre conclusioni definitive circa gli effetti dello yoga.

Lo studio
La revisione della Cochrane ha preso in esame 15 studi randomizzati e controllati che hanno coinvolto 1.048 uomini e donne. La maggior parte degli studi sono stati condotti in India, seguita da Europa e Stati Uniti. La maggioranza dei partecipanti aveva sofferto di asma da lieve a moderata per 6 mesi a più di 23 anni. Sei di questi studi hanno esaminato solo gli effetti sul respiro durante l’esercizio di yoga, mentre gli altri studi hanno valutato gli effetti dello yoga sulla postura e la meditazione, oltre che alla respirazione. Il periodo medio di durata degli studi era da in minimo di due settimane a un massimo di quattro anni. La maggioranza dei partecipanti ha continuato a utilizzare i farmaci per l’asma durante lo svolgimento degli studi.

I risultati
L’analisi ha permesso ai ricercatori di selezionare gli studi di qualità, trovando che cinque di questi soddisfacevano i requisiti. In questi, si è trovato che la pratica dello yoga riduce l’impatto dell’asma sulla qualità della vita delle persone. Tuttavia, l’evidenza circa l’impatto di yoga sulla funzione polmonare dei partecipanti è più incerta perché i risultati variavano. Gli effetti dello yoga sull’uso dei farmaci e gli eventuali effetti collaterali sono risultati anch’essi incerti, perché solo un paio di piccolissimi studi riportavano questi risultati. «I nostri risultati suggeriscono praticare yoga può portare a piccoli miglioramenti nella qualità della vita e nei sintomi dell’asma – spiega il dott. Zuyao Yang del Jockey Club School of Public Health and Primary Care, presso l’Università cinese di Hong Kong – Tuttavia, non è chiaro se lo yoga ha un impatto consistente sulla funzione polmonare e noi non sappiamo ancora se lo yoga può ridurre l’utilizzo di farmaci delle persone, o se ci sono effetti collaterali dello yoga per le persone con asma».