2 giugno 2020
Aggiornato 14:00
Psiche

La depressione post-parto inizia durante la gravidanza

E la depressione non è l'unica manifestazione della malattia: ci sono anche attacchi di ansia, bipolarismo, il disturbo ossessivo-compulsivo, o una combinazione tra questi.

NEW YORK - Studi recenti mostrano che la depressione post-parto spesso è un fenomeno più complesso e sfaccettato di quanto si creda. A volte inizia mesi prima della nascita del bimbo, a volte anche un anno dopo. E la depressione non è l'unica manifestazione della malattia: ci sono anche attacchi di ansia, bipolarismo, il disturbo ossessivo-compulsivo, o una combinazione tra questi. Lo riporta il New York Times, in un lungo articolo che unisce drammatiche storie personali (madri con allucinazioni omicide) ai risultati di diverse ricerche accademiche americane.

MIX COMPLESSO - Secondo uno studio della Northwestern University dell'Illinois che ha coinvolto 10.000 madri, il 14% di queste ha sviluppato la depressione tra le quattro e le sei settimane dopo il parto, ma un terzo del campione ha sviluppato sintomi di depressione già durante la gravidanza. Secondo diversi ricercatori, la malattia mentale delle madri è causata da un complesso mix di fattori genetici, stress e squilibri ormonali. «Gli ormoni aumentano più di cento volte [durante la gravidanza, ndr]», spiega Margaret Spinelli, psichiatra della Columbia University a New York.

SINTOMI CURABILI - Diversi stati americani stanno sviluppando leggi che cercano di affrontare il problema. La speranza è quella di intercettare il malessere quanto prima. Nonostante la loro gravità, i sintomi della malattia sono spesso curabili, attraverso una combinazione di terapia e medicinali adeguati. Nello stato di New York, il senatore Liz Krueger ha introdotto una proposta di legge per incoraggiare i check-up gratuiti. Ma secondo Katy Kozhimannil, dell'University of Minnesota, le risorse sono ancora inadeguate e non ci sono sufficienti opzioni di trattamento: «Se una donna arriva con un bambino in una clinica che cura persone con problemi di tossicodipendenza o altre malattie mentali serie, potrebbe sentirsi a disagio».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal