24 ottobre 2020
Aggiornato 07:30
Telefisco 2020

Roberto Gualtieri: «IVA? Obiettivo del Governo è riduzione del costo del lavoro»

Il Ministro dell'Economia: «La tenuta della finanza pubblica appare solida, ovviamente con un forte aumento del deficit. No a condono fiscale. Vareremo decreto Semplificazioni entro l'estate»

Il Ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri
Il Ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri ANSA

«Noi stiamo analizzando strutturalmente tutti i vari elementi. Da un punto di vista strutturale l'obiettivo del governo è quello di una riduzione del costo del lavoro e lo abbiamo iniziato a fare con la riduzione del cuneo fiscale». Lo ha detto il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, a Telefisco 2020. Poi «abbiamo evitato l'aumento dell'Iva» ed eliminato tutte le clausole di salvaguardia: «non avremo un aumento dell'Iva», ha aggiunto.

«Non preoccupa andamento delle entrate»

Riguardo l'andamento delle entrate fiscali «non siamo preoccupati perchè avevamo previsto una riduzione delle entrate fiscali che c'è stata. E' stata in linea con le nostre previsioni o inferiore alle nostre previsioni. La tenuta della finanza pubblica appare solida, ovviamente con un forte aumento del deficit ma tendendo ben sotto controllo i dati della finanza pubblica», ha concluso.

Il ministro ha poi aggiunto che «gli ultimi versamenti di giugno appaiono totalmente in linea con le nostre previsioni. Questo è un segnale importante».

«No a condono fiscale»

«Non faremo un condono fiscale» e «la voluntary è una cosa diversa. Però la voluntary sul contante è una cosa molto complessa». Dunque «sono molto prudente su questa specifica proposta. Pensiamo che l'Italia s'incammini sulla strada della ripresa» e «dentro questo nuovo orizzonte si ripropone l'esigenza, tra le riforme importanti che questo governo dovrà realizzare, anche di riprendere il lavoro sulla riforma fiscale».

Secondo Gualtieri, «è evidente che lo sforzo di riforma fiscale debba collocarsi dentro una pianificazione, una strategia anche di esame dei numeri» che «sono in costante movimento».

Con le risorse europee «possiamo rilanciare gli investimenti pubblici e privati» e «dentro questo quadro si possono definire degli spazi per una riforma fiscale che deve essere orientata alla semplicità, alla progressività, alla riduzione del carico fiscale sul lavoro, sull'impresa e al contrasto all'evasione fiscale che ha dei numeri altissimi», ha concluso.

«Vareremo decreto Semplificazioni entro l'estate»

«Noi vareremo il decreto Semplificazioni» entro l'estate. Inoltre «presenteremo il piano di rilancio in autunno insieme alla Nadef. Vareremo il decreto semplificazioni - ha spiegato Gualtieri - che è fondamentale per accelerare la messa a terra degli investimenti che stanno partendo. Lavoriamo pancia a terra per aprire i cantieri con il ministro De Micheli. Lavoriamo anche con grande impegno al recovery plan che presenteremo in autunno insieme alla Nadef». Il recovery «sarà voluminoso, un lavoro molto intenso», ha concluso.