15 agosto 2020
Aggiornato 07:00
Emergenza coronavirus

Giorgia Meloni: «Passo forte, ma c'è troppa confusione»

Il Presidente di Fratelli d'Italia: «Mancano spiegazioni su come ottemperare alle misure. Subito blocco dei mutui e delle tasse, con cassa integrazione per tutti e ammortizzatori sociali per gli autonomi»

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia ANSA

MILANO - «Sicuramente è un passo forte. Penso che i passi che si fanno debbano essere commisurati ai tipi di rischi che si corrono e se sono necessari è giusto spiegarlo ai cittadini». Lo ha detto il leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel corso della trasmissione «stasera Italia» su Rete 4 commentando la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte.

«Quello che secondo me non funziona - ha aggiunto Meloni - è la confusione fuori misura. Avevamo un decreto che è stato fatto due giorni fa, allargare la zona rossa a tutta Italia è misura che per me sulla carta ci sta, ma che diventa molto importante per i cittadini. Perché non si danno informazioni certe su quello che questo comporta? Continuiamo a portare avanti misure che cambiano ogni giorno senza mai spiegare ai cittadini come si fa ad ottemperare a quelle misure. Se la gente deve stare a casa vuol dire che i negozi devono stare chiusi o aperti? E se restano aperti, chi lavora nei negozi non ha lo stesso diritto di stare a casa? Se le scuole sono chiuse perché ancora nessuno non ha detto alle famiglie come lo stato le aiuterà a tenere a casa questi bambini?»

«Va bene tutto e arrivo a dire in punta di piedi e con umiltà, perché non sono un virologo, che a questo punto probabilmente avrebbe più senso dire 'ok, stiamo tutti chiusi dentro casa per 15 giorni', ma uno stato serio, nel momento in cui facesse una proposta di questo tipo o anche quella che ha appena fatto Giuseppe Conte spiegherebbe ai cittadini anche come si è attrezzato per fare in modo che i cittadini non manchi niente. Questo vuol dire fare in modo che non manchino i generi di prima necessità, aiutare le imprese e i lavoratori che rischiano di fronte ad una iniziativa di questo tipo, spiegare come accade. Questo non si fa e io non riesco a capire, mi pare che ci sia molta confusione».

«Subito blocco dei mutui e delle tasse»

«Alle nuove disposizioni assunte su tutto il territorio nazionale per far fronte all'emergenza coronavirus, deve corrispondere una risposta immediata dello Stato per sostenere famiglie e imprese. Subito blocco dei mutui e delle tasse, con la cassa integrazione per tutti e con ammortizzatori sociali per i lavoratori autonomi. Fin dal primo momento abbiamo dato la massima disponibilità a collaborare, ora non perdiamo altro tempo. Gli italiani hanno bisogno di risposte e misure adeguate».

«Predisporre strutture esclusive e assumere»

«Per fronteggiare l'emergenza Coronavirus la prima cosa da garantire è la tenuta del sistema sanitario nazionale. Fratelli d'Italia fin dall'inizio sostiene la necessità di predisporre nuove strutture sanitarie dedicate esclusivamente ai pazienti positivi al Covid-19 in modo da non bloccare l'operatività delle strutture ospedaliere».

«L'evidente carenza, infatti, di posti letto e posti in terapia intensiva deve essere velocemente colmata partendo dalla riqualificazione dei tanti ospedali dismessi o trasformando alcuni già attivi, anche coinvolgendo le strutture private. Un esempio virtuoso è la trasformazione a Roma della struttura Columbus dell'ospedale Gemelli in un COVID Hospital dedicato. Ne servono subito molti altri in tutta Italia», prosegue.

«Il personale medico e sanitario si può reperire assumendo dalle graduatorie già esistenti, assumendo medici e personale precari, accelerando il riconoscimento dei titoli conseguiti all'estero, coinvolgendo neolaureati in medicina e specializzandi nelle modalità stabilite dai tecnici. Così si sostiene il sistema sanitario italiano e non si lascia nessuno indietro come una grande Nazione può e deve fare. Ci auguriamo che queste proposte di buon senso siano accolte dal Governo ed entrino nel decreto sul potenziamento del sistema sanitario nazionale su cui si sta lavorando e che dovrebbe essere varato nelle prossime ore», conclude.