10 luglio 2020
Aggiornato 06:00
Riforma delle prescrizione

Silvio Berlusconi: «M5S? Comunisti animati da una follia giustizialista»

Il leader di Forza Italia: «Per tenere in piedi il Governo questa riforma peggiorativa della prescrizione passerà». Mulè: «Mobilitati contro abominio giuridico». Lega: «Forte preoccupazione»

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia
Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia ANSA

ROMA - «I Cinquestelle sono animati da una follia giustizialista». Lo ha scritto su Facebook il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, sintetizzando per iscritto le parole contenute nel video (pubblicato con lo stesso post) di una dichiarazione rilasciata al Tg4 sugli stessi temi, nella quale definisce i 5 stelle «dei veri comunisti all'antica».

A giudizio dell'ex premier, con la riforma della prescrizione «cittadini innocenti potranno essere messi sotto pressione per tutta la vita, con le conseguenze drammatiche che questo può comportare sulla vita delle persone e dei loro famigliari. Se ne sono accorti anche all'interno della stessa maggioranza che queste idee sono pericolosissime. Purtroppo per tenere in piedi il governo questa riforma peggiorativa passerà ugualmente: tutti i partiti che compongono la maggioranza saranno ugualmente corresponsabili».

Mulè: «Mobilitati contro abominio giuridico»

«Forza Italia si mobilita anche oggi in tutta Italia contro l'abolizione della prescrizione, contro quell'abominio giuridico che brutalizza la Costituzione e fa a pezzi lo Stato diritto. Da Flick a Mirabelli, Presidenti emeriti della Consulta, dall'ordine degli avvocati e fino ai magistrati tutti concordano nel ritenere questa riforma incostituzionale e sbagliata. Se è vero che ogni cittadino è innocente fino a condanna definitiva il lodo Conte bis non risolve il vulnus giuridico creato da questa sciagurata riforma perché presumere colpevole un imputato dopo uno o due gradi di giudizio è indifendibile, mostruoso e privo di buonsenso. Bonafede, con l'aiuto del Pd, sta tenendo in ostaggio la Costituzione, la giurisprudenza e la vita di molti cittadini». Lo afferma in una nota Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato.

Lega: «Forte preoccupazione per riforma Bonafede»

«Da parte nostra è forte la preoccupazione per le conseguenze dell'eliminazione della prescrizione, introdotta dalla riforma voluta dal ministro Bonafede: oltre a incidere negativamente e pesantemente sulle garanzie costituzionali per i cittadini, viola nettamente il dettato delle norme europee che impongono di contenere i tempi del processo entro una ragionevole durata. Una posizione condivisa da tutti i relatori dell'iniziativa dedicata a prescrizione e riforma della giustizia organizzata a Palermo da Lega e gruppo Id del Parlamento europeo. Spiace dover prendere atto dell'assenza di esponenti della magistratura all'evento, probabilmente a causa di indebite e sconcertanti pressioni e intimidazioni nei confronti di magistrati che avrebbero voluto partecipare a un convegno che era di natura tecnica prima che politica, promosso dall'Unione Europea, come occasione di informazione e approfondimento su temi cruciali per la nostra democrazia». Lo dichiara Francesca Donato, europarlamentare della Lega.