24 ottobre 2019
Aggiornato 02:00

Cardinale Parolin: «Invocare Dio per se stessi è molto pericoloso». Famiglia Cristiana: «Da Salvini sovranismo feticista»

Ieri il leader della Lega, Matteo Salvini, con il rosario in mano, ha concluso il comizio in Piazza Duomo affidandosi ai santi patroni d'Europa e al «cuore immacolato di Maria»

Matteo Salvini bacia il rosario
Matteo Salvini bacia il rosario ANSA

ROMA - «Io credo che la politica partitica divida, Dio invece è di tutti. Invocare Dio per se stessi è sempre molto pericoloso». Lo ha detto il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, a margine della Festa dei Popoli a San Giovanni in Laterano, come trasmesso dalle telecamere di Rainews24.

Le parole del leader della Lega 

Ieri il leader della Lega, Matteo Salvini, con il rosario in mano, ha concluso il comizio in Piazza Duomo affidandosi ai santi patroni d'Europa e al «cuore immacolato di Maria che sicuramente ci porterà alla vittoria».

Famiglia Cristiana: «Da Salvini sovranismo feticista»

«Il rosario brandito da Salvini e i fischi della folla a papa Francesco, ecco il sovranismo feticista». E' il titolo dell'editoriale di Famiglia Cristiana sulla manifestazione di ieri a Milano della Lega. «Mentre Matteo Salvini esibiva il Vangelo come un amuleto e si affidava al Cuore Immacolato di Maria una nave carica di naufraghi riceveva il divieto di approdare a Lampedusa e l'Onu ci condannava per violazione dei diritti umani», si legge. «Cos'altro manca per suscitare l'indignazione dei cattolici?».

Spadaro: «Non nominare nome di Dio invano»

«Ascoltare il nome di Dio e di Maria non deve fare esultare l'animo religioso sempre e comunque. Infatti 'Non nominare il nome di Dio invano' ci chiede di non usare il nome di Dio per i propri scopi. La coscienza critica e il discernimento dovrebbe aiutare a capire che non è un comizio politico il luogo per fare litanie (e in nome di valori che col Vangelo di Gesù nulla hanno a che fare)». Così su Facebook Padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica, in riferimento alla manifestazione di ieri del leader della Lega, Matteo Salvini, in Piazza Duomo.