22 gennaio 2019
Aggiornato 07:00
Forza Italia

Brunetta: «Reddito di cittadinanza? Parlamento eviti scempio»

Così Renato Brunetta, deputato e responsabile della politica economica di Forza Italia, intervenendo su «Il Giornale»: Grande confusione tra sostegno povertà e inserimento al lavoro

Renato Brunetta, Deputato di Forza Italia
Renato Brunetta, Deputato di Forza Italia ANSA

MILANO - «Con la notte della Befana e la fine delle feste arrivano puntuali le prime 'scoperte' negative per la propaganda del Governo del cambiamento. Come si poteva immaginare, la costruzione del reddito di cittadinanza appare una grande confusione tra sostegno alla povertà e inserimento al lavoro. Né poteva essere diversamente volendo con un unico strumento prendere due fenomeni sociali ed economici così diversi. Ne consegue che il Governo del cambiamento fa una operazione di grande illusione mettendo una parola diversa a ciò che già esiste e creando una grande confusione normativa. Dopo tante parole, non solo proroga il meccanismo già esistente del Reddito di inclusione, ma addirittura si appoggia sul sistema della social card creato dal Governo Berlusconi. Con una grande operazione illusionista conferma tutta la struttura delle politiche attive del Jobs Act e anzi sembra imprimere ancora di più una svolta centralista alle politiche di inserimento lavorativo sfidando le buone pratiche delle regioni del Nord». Così Renato Brunetta, deputato e responsabile della politica economica di Forza Italia, intervenendo su «Il Giornale».

Grande confusione tra sostegno povertà e inserimento al lavoro

«Nella disperazione di dover centrare obiettivi elettorali immediati - prosegue - si determina la partenza del meccanismo nel mese di aprile 2019 quando tutti sanno che per quella data difficilmente sarà possibile disporre degli strumenti informatici adeguati e sarà pressoché impossibile rafforzare gli organici dei centri per l'impiego regionali e Anpal nazionale, a meno di fare scempio di ogni regola di concorso pubblico e facilitare un'assunzione di massa indipendentemente dalle competenze e dal merito. E immaginiamo con quali conseguenze sui servizi per coloro che cercano lavoro, oltre che a tradire i principi della buona amministrazione e della trasparenza tanto decantati quando all'opposizione vi era il Movimento 5 stelle. Si immagina un astruso modello di offerta congrua e di condizionalità, il cui meccanismo sanzionatorio rimane assai oscuro, tranne un complesso sistema punitivo di carattere penale per i possibili furbetti che però non si sa come potrà essere attuato e chi si assumerà le relative responsabilità. Insomma, un complesso e confuso corpo normativo ed amministrativo che conferma come questo Governo prenda il buono che già oggi esiste disintegrandolo e innovi con astruse costruzioni dalla dubbia utilità creando confusione, incertezza e timore».

Parlamento eviti scempio di reddito cittadinanza

«Il Parlamento dovrà attentamente esaminare questo provvedimento con tutto il tempo che sarà necessario - così come ha auspicato il Presidente della Repubblica - riconducendo gli strumenti per la lotta alla povertà alla loro naturale collocazione, rafforzando le politiche attive del lavoro nel positivo rapporto con le Regioni, favorendo la rapida ricollocazione dei lavoratori nel mercato del lavoro con formazione e adeguati incentivi, promuovendo un piano delle competenze contro la disoccupazione giovanile, incentivando una politica dell'invecchiamento attivo. In definitiva, aumentando la quota della popolazione italiana del lavoro. Lo scempio economico e sociale che si annuncia con questo provvedimento dovrà essere evitato in ogni maniera», conclude.