18 dicembre 2018
Aggiornato 18:00

Bucci: «Il nuovo ponte sarà il regalo di Natale 2019»

Parla il sindaco e commissario per la ricostruzione di ponte Morandi Marco Bucci all'indomani del via libero definitivo al senato del decreto Genova

GENOVA – Il nuovo ponte sarà il regalo per il Natale 2019. Lo ha assicurato il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione di ponte Morandi Marco Bucci all'indomani del via libero definitivo al senato del decreto Genova. Le tempistiche restano quelle già comunicate. Ossia dicembre 2019. «Si deve vedere il nuovo ponte. Se non ci camminiamo sopra pazienza ma dobbiamo certamente vederlo. Questo è il regalo di Natale, chiamatemi Babbo Natale», ha scherzato Bucci.

Incontro con la squadra
Oggi era in programma una riunione tra il commissario Bucci ed il suo team: «Vedremo quali saranno i passi da fare – ha spiegato il primo cittadino – porteremo avanti diverse attività in parallelo, dalle procedure per il dissequestro del ponte, a quelle per il finanziamento dei lavori. Dovremo anche contattare le banche e stiamo cominciando a lavorare con il ministero dell'Interno per organizzare i controlli antimafia», ha concluso Bucci.

L'esultanza è per la città
Bucci non esclude che aziende straniere possano prendere parte alla ricostruzione e non esclude nemmeno che partecipi Autostrade: «Vedremo certamente sarà coinvolta per pagare. Questo lo confermo». Il sindaco ha confermato gli indennizzi per proprietari, usufruttuari e affittuari: «La notizia buona – ha sottolineato il primo cittadino – è che i soldi sono previsti per tutti e tre. Specificheremo in che modo tutti hanno diritto ai rimborsi», ha sottolineato Bucci. Quanto al tanto criticato gesto di esultanza del ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, in senato... «Se è un gesto di vittoria, è giusto perché hanno fatto una gran cosa in parlamento per Genova. Io condivido il gesto di esultanza, poi non mi dite se è un gesto giusto o no perché io non sono esperto di gesti».