19 marzo 2019
Aggiornato 10:30
Manovra finanziaria

Renzi: «Manovra scritta male, rischio recessione»

Lo scrive il senatore del Partito Democratico, Matteo Renzi, su Facebook: «Impressionante come Di Maio e Salvini diffondano fake news»

Matteo Renzi, Senatore del Partito Democratico
Matteo Renzi, Senatore del Partito Democratico ANSA

ROMA - «Se il Governo non avesse cambiato la manovra ci saremmo schiantati contro il muro, come Paese. Dunque la retromarcia è giusta e comprensibile. Ma fa impressione il modo tracotante con cui Di Maio e Salvini stanno spiegando agli italiani che in realtà non cambia niente. Ma perché non devono mai dire la verità? Basterebbe ammettere: 'Abbiamo cambiato idea perché stavamo sbagliando. Rischiavamo troppo'. No, questi insistono a diffondere FakeNews. E dicono: tutto ok, non cambia niente, risalirei sul balcone. Pensano che tutti gli italiani si bevano le loro bugie. Davvero credono di poter trattare i loro connazionali come delle persone incapaci di intendere e di volere? I nodi stanno arrivando al pettine, il tempo dei cialtroni sta scadendo». Lo scrive il senatore del Partito Democratico Matteo Renzi su Facebook.

Manovra scritta male, rischio recessione

«Mamma mia che figuraccia che ha fatto il Governo. Era visibile l'imbarazzo del Presidente del Consiglio per giustificare una retromarcia così vistosa. E' una manovra scritta male perché non risolve i problemi dei cittadini, anzi paradossalmente costituisce una sorta di truffa per chi ha votato M5s e Lega. Io sono contro reddito di cittadinanza e flat tax ma chi ha votato questo Governo voleva che fossero approvate e invece non c'è niente e temo che l'Italia andrà in recessione».

Marcucci: Conte spara numeri a casaccio

«In aula, al posto del presidente del consiglio, si è presentato un improvvisato Mago Silvan a sparare numeri a casaccio, circondato dai soli ministri tecnici. La notizia è che Di Maio e Salvini si sono ben guardati dal metterci la faccia. La notizia è che oggi sul balcone di Chigi festeggierà solo il vero autore di questa legge di bilancio: Juncker». Lo afferma il capogruppo del PD a Palazzo Madama Andrea Marcucci commentando l'informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte a palazzo Madama sulla manovra.