26 marzo 2019
Aggiornato 06:30
Manovra finanziaria

Gasparri: «Più che un esecutivo è un'apocalisse che sta devastando l'Italia»

Il Senatore di Forza Italia: «I risparmi dei cittadini già oggi valgono almeno il dieci percento in meno». Russo: «Se Salvini cambia rotta faremo la nostra parte»

Maurizio Gasparri, Senatore di Forza Italia
Maurizio Gasparri, Senatore di Forza Italia ANSA

ROMA - «I fatti sono chiari. Il governo ha messo la fiducia alla Camera su una manovra che colpisce la casa, con la proroga dell'aumento della Tasi, che non dà risposte chiare e esaustive sul tema della cedolare secca per quanto riguarda gli affitti commerciali, che colpisce i possessori di piccole utilitarie, disprezzate con ignoranza e razzismo dalla presunta viceministra grillina Castelli, che semina confusione in tutti i campi. Più che da riscrivere la manovra è da buttare. Ed è da buttare anche un governo che ha impoverito gli italiani perché i risparmi dei cittadini già oggi valgono almeno il dieci percento in meno di prima dell'arrivo di questo governo. Più che un esecutivo è un'apocalisse che sta devastando l'Italia. Prima Conte se ne va a casa meglio sarà per gli italiani». Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI).

Russo: «Se Salvini cambia rotta faremo la nostra parte»
«Se Salvini cambia rotta e passa dall'assistenzialismo al sostegno alle imprese, Forza Italia é pronta a fare la propria parte. Se il vicepremier, che oggi ha incontrato le aziende, se la sente di sacrificare una parte del reddito di cittadinanza a favore di una politica che valorizzi le produzioni di eccellenza, a cominciare da quelle del Sud, dalla Campania alla Sicilia, noi non ci metteremo di traverso perché siamo convinti che rimettendo in modo l'economia daremo lavoro vero e non paghette»: così Paolo Russo, deputato e responsabile per Forza Italia dei problemi del Mezzogiorno.

«Facciamo decollare le nostre aziende»
«Zero Ires per le imprese e credito d'imposta, semplificazione burocratica ed ammodernamento tecnologico: la partita italiana si vince facendo decollare le nostre aziende, prime nel mondo per appeal e qualità. Solo così potremo davvero parlare di crescita e solo per questo i cittadini e le imprese sono disposte a fare qualche sacrificio», conclude Russo.