16 dicembre 2018
Aggiornato 11:30

Il governo ha deciso: la manovra sarà modificata

Il vertice serale a palazzo Chigi deciderà i cambiamenti da apportare, rivedendo al ribasso le stime del deficit. Il premier Giuseppe Conte: «La linea è una sola»

Il premier Giuseppe Conte, durante l'evento "Sindaci d'Italia"
Il premier Giuseppe Conte, durante l'evento "Sindaci d'Italia" (Filippo Attili | Ufficio stampa palazzo Chigi | ANSA)

ROMA – Il governo modificherà la legge di bilancio e dunque rivedrà al ribasso le stime del deficit: in un vertice serale a palazzo Chigi si troverà un accordo sulle modifiche da apportare alla manovra attualmente all'esame della commissione Bilancio di Montecitorio. «Esamineremo gli emendamenti e decideremo quali saranno di fonte governativa», ha spiegato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlando a margine dell'evento «Sindaci d'Italia» organizzato da Poste italiane alla Nuvola di Fuksas a Roma.

Politica condivisa
Il premier ha spiegato anche che nell'esecutivo «non c'è una linea Conte-Tria, una linea Salvini-Di Maio, non ci sono linee contrapposte: questo governo è molto coeso, agiamo con il massimo coordinamento. Qualsiasi iniziativa che assumiamo di rilievo esterno la concordiamo, quindi non c'è nessuna divaricazione tra posizioni. Ha prevalso e prevale sempre la linea della ragionevolezza, della tutela degli interessi degli italiani, per fare questo siamo disponibili ad assumere qualsiasi iniziativa, a perseguire qualsiasi obiettivo». E in effetti oggi le parole dei vicepremier vanno nella stessa direzione, quella di un'apertura al dialogo con l'Unione europea: «Lo scontro con l'Ue non è sul 2,4 l'importante è che non si riduca la platea di riceverà quelle misure – spiega Di Maio – Il tema non sono i numerini ma i cittadini, per noi l'importante è che la manovra abbia dentro gli obiettivi del contratto di governo, cioè quota 100 per le pensioni e reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza e rimborsi ai truffati delle banche, oltre al pacchetto imprese che prevede di ridurre l'Ires al 15% per chi assume. Da queste misure non possiamo prescindere, poi se dentro la contrattazione deve diminuire un po' di deficit per noi non è importante».

Le parole dei vicepresidenti
«Stasera – sottolinea Di Maio – parleremo di tante cose, della legge di bilancio e dei tanti emendamenti del governo e del parlamento. Ci sono tante iniziative nella legge di bilancio anche per questo Conte ha detto all'Europa dovete darci il tempo per far discutere il parlamento sulla legge di bilancio. Il parlamento è sovrano e potrà migliorarla e innovarla». Anche Salvini usa toni rassicuranti: «Non sono per litigare con nessuno tanto meno coi commissari europei, chiediamo rispetto, non ci impicchiamo agli zero virgola. Per quanto riguarda la Fornero ho detto e ribadisco che a febbraio, perché credo verrà approvata entro Natale, parte. Poi ci sono i tecnici che stanno valutando quanti milioni di italiani ne usufruiranno». E dopo aver dato il via all'abbattimento con una ruspa di una villa confiscata ai Casamonica alla Romanina ironizza: «La ruspa la uso solo con i Casamonica e con i criminali, per il resto uso il buonsenso».