22 maggio 2019
Aggiornato 23:00
Primarie Pd

Spuntano altri due candidati per il congresso del Partito democratico

In arrivo le candidature di Marco Minniti e Maurizio Martina, che si aggiungono a Nicola Zingaretti, Cesare Damiano, Francesco Boccia, Matteo Richetti e Dario Corallo

ROMA – Il congresso Pd è aperto, l'assemblea del partito scorre via veloce e senza sorprese e tra febbraio e marzo si andrà di nuovo alle primarie per scegliere il nuovo segretario del partito. Primarie che, però, stavolta potrebbero non essere decisive, visto che da Statuto bisogna ottenere il 50% più uno dei voti nei gazebo, e con tanti candidati ai blocchi di partenza è forte il rischio che nessuno superi il quorum. In tutto i candidati potrebbero essere sette. Marco Minniti ha confermato questa mattina la sua candidatura ai microfoni de La Repubblica, nelle prossime ore potrebbe sciogliere le riserve anche Maurizio Martina: questi ultimi due nomi si aggiungono a quelli di Nicola Zingaretti, Cesare Damiano, Francesco Boccia, Matteo Richetti e Dario Corallo.

L'addio di Martina
Martina formalizza le sue dimissioni davanti a una platea distratta e non troppo affollata. Matteo Renzi non c'è, l'ex leader si tiene «lontano» dal congresso, come ha detto più volte, e preferisce twittare mentre Martina parla dal palco. Dei suoi si vedono Luca Lotti, Francesco Bonifazi e Ettore Rosato, oltre ad Andrea Marcucci e Graziano Delrio. In sala ci sono tra gli altri Paolo Gentiloni, Nicola Zingaretti, Andrea Orlando, Dario Franceschini, Luigi Zanda, Gianni Cuperlo, Matteo Richetti, Franco Marini, Giuseppe Fioroni. In apertura dei lavori Matteo Orfini dà la parola a Frans Timmermans, candidato del Pse per la guida della Commissione europea. Una parentesi europea, prima che Martina prenda la parola per formalizzare le dimissioni e chiedere «unità» al partito. Il segretario uscente rivendica il lavoro dei mesi scorsi e chiede al Pd di non «avere paura di criticare i nostri errori» perché «un grande partito non mette la polvere sotto al tappeto». Martina chiede poi di evitare le risse, ricorda a tutti che anche durante il congresso il partito deve cercare di essere «unito», anche perché ci sono pure le amministrative e le Europee da affrontare.

Il silenzio dei vertici
Dei big non parla nessuno, dal palco. Gentiloni a margine dei lavori si limita ad augurarsi primarie «entro la metà di febbraio», anche se altri chiedono di farle il 3 marzo perché prima si vota in Sardegna, Basilicata e Abruzzo. Zingaretti va via subito dopo avere ascoltato Martina e, dinanzi ai giornalisti, chiede un «Pd che si rimetta in discussione, perché non si può stare fermi». Il presidente della Regione Lazio propone anche di abolire la «tassa» di due euro chiesti a chi va a votare alle primarie: «Per votare non bisogna pagare, bisogna chiedere una sottoscrizione» volontaria, ma nessun versamento obbligatorio, in modo da fare «partecipare tutti». All'Ergife, l'hotel che ospita l'assemblea Pd, succede poco altro. Il resto è materia delle trattative informali tra le correnti del partito, a cominciare dalla data delle primarie e dalle candidature. Martina, secondo quanto si apprende, sarebbe sul punto di dire sì. Minniti ha annunciato la sua corsa oggi, ma nel frattempo girano voci di suoi dissidi con i renziani che avrebbero proposto all'ex ministro di prendere in ticket Teresa Bellanova. Voci poi smentite da «fonti qualificate renziane», secondo le quali «l'ipotesi del ticket non esiste». Di sicuro, però, non è semplice il rapporto tra Minniti e l'area che guarda all'ex premier, che già la scorsa settimana avevano mandato segnali contrastanti dalla loro riunione a Salsomaggiore. I renziani si dividono tra più candidati, Delrio e Orfini sarebbero a sostegno di Martina e in campo c'è anche Richetti, che pure è parte di quel mondo. Una divisione che, appunto, può ripercuotersi nel voto finale. Il congresso prevede una prima fase, riservata agli iscritti, alla quale partecipano tutti i candidati. Poi si svolgono le primarie, ma solo tra i primi tre candidati che superano il 5% nella prima fase. Per questo, se saranno in campo anche Martina e Minniti, è alta la probabilità che nessuno raggiunga il 50% più uno dei voti. Ed è forte anche il rischio che in un quadro del genere il partito si divida ancor più in mille correnti diverse. Per questo Martina richiama all'unità. Per questo Veltroni e Gentiloni guardano con preoccupazione il congresso che sta per iniziare, anche se l'ex premier in pubblico nega che ci siano «liti» nel Pd.