14 ottobre 2019
Aggiornato 12:00
Crollo di Genova

«Così il 'sistema' Forza Italia - Pd ha favorito Atlantia e Autostrade»

Il duro attacco del Movimento 5 stelle dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. E Salvini rincara la dose: «Ora Autostrade deve risarcire e ricostruire»

Il viadotto Morandi a Genova in una immagine di archivio
Il viadotto Morandi a Genova in una immagine di archivio ANSA

ROMA - «Non è un caso che Forza Italia e Partito democratico abbiano deciso di schierarsi dalla parte dei Benetton preoccupandosi delle azioni di Atlantia invece che della richiesta di giustizia e di sicurezza che arriva da milioni di italiani. Negli anni sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano di favori alle concessionarie, contribuendo in maniera determinante ad arricchirle a discapito della manutenzione delle nostre infrastrutture». Inizia così il duro attacco sul Blog delle Stelle firmato dal Movimento 5 stelle. Un attacco che mira a indicare chi sono, secondo i parlamentari stellati, i veri responsabili del disastro di Genova. Il primo punto riguarda Atantia, che, «oltre a controllare Autostrade per l'Italia, controlla anche l'impresa di costruzioni Pavimental e che il Gruppo Gavio, l'altro grande concessionario privato delle nostre autostrade, oltre a controllare SIAS controlla anche l'impresa di costruzioni Itinera». Queste imprese di costruzioni sono tra le principali italiane «e sono cresciute proprio grazie ai lavori di manutenzione che vengono loro affidati 'in house' da Atlantia e SIAS».

Il sistema prima del Codice dei Contratti Pubblici 
Prima dell'entrata in vigore del cosiddetto Codice dei Contratti Pubblici (aprile 2006) una norma prevedeva infatti la possibilità che i lavori relativi alle concessioni (tutte, non solo autostradali) venissero affidati direttamente senza gara d'appalto a evidenza pubblica fino al 60% del loro importo, con obbligo di bando pubblico solo per il 40%. Su tale norma la Commissione Europea aprì una procedura di infrazione contro l'Italia e la norma incriminata venne modificata dal Governo Prodi (D.L. 262/2006) obbligando i concessionari ad appaltare con bando pubblico il 100% dei lavori. 

L'intervento del Governo Berlusconi
«Due anni dopo» prosegue il post sul Blog delle stelle «il Governo Berlusconi (DL 207/2008) una volta chiusa la procedura di infrazione tornò alla situazione precedente e quindi alle concessionarie autostradali venne nuovamente consentito di affidare alle loro imprese di costruzioni fino al 60% del totale dei lavori, con decorrenza dall'1 gennaio 2009. Successivamente il Governo Monti (DL 1/2012) ridusse tale percentuale al 50%, obbligando quindi ad appaltare il residuo 50% dei lavori da realizzare, e programmo' di ridurre ulteriormente la percentuale dei lavori 'in house' al 40%, con decorrenza dall'1 gennaio 2014. Il Governo Renzi finse di intervenire con il cosiddetto Nuovo Codice degli Appalti (DLgs 50/2016) e di programmare una ulteriore riduzione al 20%, con decorrenza dall'aprile 2018, ma fu un emendamento all'ultima Legge di Bilancio dello stesso Pd, a prima firma Borioli, che introdusse una specifica deroga per 'i titolari delle concessioni autostradali non affidate con la formula della finanza di progetto, ovvero con procedure di gara a evidenza pubblica secondo il diritto dell'Unione Europea' e quindi proprio per Autostrade per l'Italia e SIAS. Tale deroga prevede che per questi soggetti la percentuale di affidamenti 'in house' ritorni al 40% (quindi di fatto quella al 20% non è mai entrata in vigore)».

La realtà (del M5s) contro le bugie (degli altri)
«La scusa del favore alle concessionarie autostradali» si legge ancora «è il rischio occupazionale delle imprese collegate ai concessionari che vedendo diminuire i propri ricavi avrebbero dovuto licenziare personale. Nella realtà l'emendamento ha prodotto una seria restrizione della libera concorrenza tra imprese e di conseguenza una distorsione del mercato a favore, tra gli altri, dei gruppi imprenditoriali facenti capo ai Benetton e ai Gavio, i quali, percio', oltre a guadagnare dalla gestione delle autostrade guadagnano dalla realizzazione delle manutenzioni».

«Così funziona il sistema Forza Italia-Pd»
Per il M5s insomma «da fine anni Novanta lo Stato ha di fatto rinunciato a controllare i gestori delle autostrade di cui è proprietario e ha costruito attorno a queste concessioni un sistema putrido che assomiglia molto ad uno scambio di favori: io lascio a te enormi profitti in monopolio, tu mi sostieni politicamente quando serve. Purtroppo per loro, però, l'era dei 'prenditori' che hanno spolpato il Paese volge al termine. Con il Governo del Cambiamento tutte queste vergognose isole di privilegio verranno scoperchiate ed eliminate, così che i servizi pubblici possano tornare ad essere un valore aggiunto per cittadini e imprese oneste».

Salvini e le responsabilità di Atlantia
A rincarare la dose, il ministro dell'Interno Matteo Salvini che è tornato a polemizzare con Atlantia, holding della famiglia Benetton: «Mi sconcerta l'indifferenza e l'atteggiamento di Autostrade che ci ha messo alcuni giorni a chiedere scusa. Questo è incredibile». Secondo il vicepremier, che questa mattina ha fatto visita ai senzatetto e ai degenti curati dall'Opera Cardinal Ferrari Onlus di Milano, «è una follia» accusare il governo per il crollo registrato in Borsa anche oggi da Atlantia. «Probabilmente - ha osservato - perdono soldi in Borsa perché è caduto un ponte, non perché Salvini è brutto e cattivo. Se Autostrade fosse al suo posto, il titolo sarebbe al suo posto. Ho parlato con alcune vedove e orfani della tragedia di Genova, per me prima del titolo di Atlantia in Borsa vengono loro». Per Salvini è stata anche l'occasione per ribardire l'orientamento del governo nei confronti della società concessionaria dell'autostrada dove si è verificato il crollo. «Chi sbaglia paga. Autostrade ha il dovere di risarcire e di ricostruire». Per mettere a punto le modalità con cui revocare la concessione ad Atlantia, «ci vorranno alcune settimane», ha messo in chiaro Salvini sottolineando che «stiamo studiando e lavorando, di certo non faremo regali che sono stati fatti in passato. Non c'è un pubblico buono e un privato cattivo, o viceversa. Ma bisogna fare i controlli». A Genova, ha concluso il vicepremier «le colpe di Autostrade sono evidenti al di là dell'evidenzie processuali che dovessero emergere».