10 dicembre 2018
Aggiornato 13:30

Di Maio: senza di noi nessun governo. Altrimenti prepariamo i pop-corn perché sarà la fine degli altri

In diretta Facebook il candidato premier del M5s spiega i passi futuri e le posizioni del M5s

ROMA - "Volevo prendermi qualche minuto per raccontarvi cosa sta succedendo in questi giorni, perché da quello che stanno dicendo i media non si sta capendo tantissimo». Luigi Di Maio approfitta di una diretta Facebook per spiegare agli elettori le ultime manovre post elettorali. Prima di tutto, spiega il candidato premier pentastellato, è ancora in carica il governo Gentiloni e i nuovi parlamentari non si sono ancora insediati, bisognerà aspettare il 19 marzo. "Noi abbiamo già fatto un incontro con i nostri portavoce e siamo veramente tantissimi, oltre 330 tra le due Camere, abbiamo praticamente triplicato la nostra forza parlamentare, e questo solo grazie alla fiducia che ci avete dato".

L'elezioni delle presidenze delle Camere
Una volta che i parlamentari si insedieranno, continua Di Maio, dal 23 marzo inizieranno le votazioni per le presidenze della Camera e del Senato e "noi per l'individuazione di queste figure siamo aperti al confronto con tutte le forze politiche, come ho sempre detto, ma chiaramente pretenderemmo il riconoscimento del voto degli italiani che ci hanno indicato come prima forza politica del Paese». Dopo sarà il momento di formare il governo: "Un governo che a mio avviso deve rispettare la volontà dei cittadini, che con oltre il 32% hanno votato un programma, un candidato premier e una squadra".

"Aperti a dialogare con tutti"
Per formare il governo Di Maio ribadisce che hanno sempre aperto a tutte le forze politiche, "perché finalmente sentiamo che si possono realizzare quelle cose che gli italiani aspettano da 30 anni». "Abbiamo chiesto a tutti responsabilità per formare un governo presieduto dal candidato premier del M5s». Il Capo dello Stato ha una "grande sensibilità" e ha richiamato tutte le forze politiche al senso di responsabiità "e per questo lo ringrazio». "Ne siamo contenti perché in ballo c'è l'interesse del Paese che viene prima di tutto». Questa parola responsabilità "l'abbiamo pronunciata durante tutta la campagna elettorale, abbiamo sempre detto che non vogliamo lasciare il Paese nel caos e nell'instabilità creati da una legge elettorale che i partiti hanno la responsabilità di aver votato, pur sapendo che avrebbe generato tutto questo, anzi proprio per questo l'hanno votata». E' stata una legge scritta per arginare in tutti i modi "la nostra formazione, ma non gli è andata bene". 

"Governo senza di noi non si può fare"
Il M5s in questo momento è determinante: "Un governo senza di noi non si può fare, quindi tutti dovranno parlare con noi", a meno che, "e sarebbe un grave insulto ai cittadini", non decidano di fare un governo di tutti contro di loro. "Ma in quel caso prepariamo i pop-corn perché sarebbe la loro fine». "Io sono molto sereno e invito gli italiani a stare tranquilli». Poi l'appello agli italiani: "Seguite con attenzione cosa succederà nei prossimi giorni perché non è più il tempo di seguire con distacco e menefreghismo, è il momento di appassionarsi e stare uniti». "Abbiamo bisogno del vostro sostegno, del vostro affetto, della vostra forza». E' stato il "segreto" della campagna elettorale, sarà "l'arma fondamentale" per affrontare questa delicata fase per portare al governo il M5s e "sancire la nascita della Terza Repubblica".

Entro il 10 aprile il Def
Partiranno dai temi che stanno a cuore agli italiani, continua Di Maio, " e su questi temi siamo pronti a discutere e a trovare una convergenza con tutti nel solo ed esclusvio interesse dei cittadini». La prima occasione utile sarà la presentazione entro il 10 aprile del Documento di programmazione economica e finanziaria, il Def, che definisce le scete di politica economica dei prossimi anni. Dovrà essere approvato a maggioranza assoluta dal Parlamento: "Il gruppo del M5s, la 'lampadina gialla che illumina Camera e Senato', sarà determinante». Di Maio assicura di "avere le idee chiare" e di essere già al lavoro su una proposta che renderanno nota nei prossimi giorni. Dentro, ci saranno i punti programmatici per il futuro del Paese, su cui "vogliamo discutere in maniera trasparente con tutti e vedere chi ci sta".

"Da me sempre onestà e trasparenza"
Saranno momenti "intensi", conclude Di Maio, "in tanti mi stanno scrivendo per capire cosa succederà, io vi aggiornerò personalmente su tutti i passaggi che ci saranno e sulle posizioni che terremo. Noi siamo forti perché dobbiamo rendere conto solo a voi, che ci avete dato questa enorme forza. Da me avrete sempre la massima trasparenza e onestà. Continuate ad accompagnarci in questo viaggio verso il governo di questo Paese".