Italia | Elezioni politiche 2018

«Non consentiremo a Salvini e Meloni di abrogare le unioni civili»

Lo ha affermato il coordinatore nazionale dei Verdi e fondatore della Lista Insieme, Angelo Bonelli

Matteo Salvini e Giorgia Meloni
Matteo Salvini e Giorgia Meloni (ANSA)

ROMA - «La lista Insieme vuole indicare una strada per il centrosinistra, una strada che oggi percepiamo come un po' persa, ovvero unire le diverse culture politiche che hanno contribuito a costruire qualcosa di diverso nel nostro paese. La nostra lista prende ispirazione da un leader che è riuscito due volte a battere la destra, Romano Prodi.» Lo ha affermato il coordinatore nazionale dei Verdi e fondatore della Lista Insieme, Angelo Bonelli ad Ancona durante la conferenza stampa di presentazione della sua candidatura all'uninominale per il centrosinistra al Senato a per il collegio di Pesaro e Urbino.

«Alla domanda di chi ci chiede perché siamo candidati all'uninominale con PD - ha sottolineato - c'è una risposta importante. Siamo insoddisfatti delle politiche ambientali precedenti, noi vogliamo rientrare in Parlamento per portare una soluzione diversa, mettendo al centro il tema della sostenibilità. Quando ho incontrato Renzi gli ho sottolineato che il grande errore che ha compiuto è stato quello di considerare il tema ecologico solo come tutela biodiversità, non accorgendosi che invece l'ecologia è anche un importante strumento per rilanciare l'economia del Paese . Un esempio che cambierebbe fisionomia alla politica industriale. Basta pensare alle auto elettriche, si potrebbe far ripartire l'economia italiana con un governo che sappia veicolare politiche strutturali per rilanciare l'industria, che puntino verso la riconversione della filiera dell'auto elettrica. E' fondamentale essere competitivi con il mercato cinese che in poco tempo sarà leader del settore delle auto elettriche. Noi vogliamo portare nostre intelligenze e risorse all'interno della coalizione di centrosinistra. Con le divisioni rischiamo di consegnare il nostro paese alla destra di Salvini e Berlusconi.»

«Ci sono tanti temi di cui vogliamo parlare - ha proseguito il fondatore di Insieme - ad esempio la sicurezza alimentare. Dobbiamo garantire il benessere alle famiglie che devono avere la certezza di sapere cosa mettono sulle loro tavole per i loro figli. Ci impegneremo concretamente attraverso un dialogo e confronto per non lasciare il Paese a una persona che a parole inserisce la lotta agli evasori come priorità ma è il primo ad essere stato condannato proprio per un reato fiscale. Non possiamo permettere che Meloni e Salvini aboliscano una legge di civiltà come quella sulle unioni civili, già eravamo indietro rispetto all'Europa nel tutelare questi diritti fondamentali.»

«Ho rispetto per le Marche - ha concluso Bonelli - e per territori e le persone che qui hanno costruito un rapporto con i cittadini. Ho parlato con Camilla Fabbri e abbiamo subito instaurato un rapporto di cordialità, ho avuto modo di apprezzare il suo stile. La incontrerò e faremo campagna insieme tenendo bene a mente come il pericolo vero per questa tornata elettorale siano le destre e le demagogie. Evitare di avere Salvini Ministro degli Interni è un dovere».