17 settembre 2019
Aggiornato 00:30
Movimento 5 stelle

Di Maio: «Con audizione Ghizzoni game over per Seconda Repubblica»

Il candidato premier del M5s: «Bancopoli è uno scandalo che coinvolge sia il centrodestra che il centrosinistra»

MILANO - «Dopo l'audizione di Ghizzoni in commissione sulle banche è chiarissimo che la Seconda Repubblica è game over. Stiamo assistendo agli ultimi passaggi di una Repubblica che è al tramonto». È il giudizio del vice presidente della Camera e candidato premier M5s, Luigi Di Maio, intervenuto a margine di un convegno sul turismo organizzato dai 5 stelle. «L'audizione di Ghizzoni ci dimostra che il governo Renzi, che doveva essere quello dei rottamatori, è stato un governo che ha visto Renzi, Boschi e Carrai passare il tempo a salvare una banca di quartiere solo perché era la banca di famiglia di uno dei ministri. Questa era gente che doveva andare ai tavoli europei a contrattare le condizioni favorevoli per le imprese italiane, per ottenere più credito alle imprese ha passato il tempo a salvare la banca del padre della Boschi», ha aggiunto Di Maio.

Bancopoli è uno scandalo che coinvolge sia il centrodestra che il centrosinistra
«È vergognoso, ma non possiamo pensare che sia addebitabile ad una sola parte politica. Ricordiamoci che la mozione di sfiducia della Boschi non fu votata dal centrodestra, sono coinvolti tutti in questo scandalo, escono i nomi di Verdini, Berlusconi, bancopoli è uno scandalo che coinvolge sia il centrodestra che il centrosinistra», ha attaccato ancora Di Maio. «Per questo ai cittadini italiani dico: ribellatevi e non votateli più. Il caso banche ci dimostra che i vecchi partiti sono tutt'uno, non è un caso che a capo della commissione di inchiesta ci siano Casini e Brunetta, ci sono i garanti di un sistema» ha concluso l'esponente del M5s.