16 ottobre 2019
Aggiornato 08:30
Lega con Ap?

Lupi: Salvini dice mai con Ap? Doveva dirlo prima se facevamo schifo

A Genova, La Spezia, Monza e Sesto Alternativa popolare si è dimostrata decisive per la vittoria del centrodestra, ha detto Maurizio Lupi attaccando il leader della Lega Nord Matteo Salvini

Maurizio Lupi in forza ad Alternativa popolare attacca Matteo Salvini dopo l'esito delle amministrative
Maurizio Lupi in forza ad Alternativa popolare attacca Matteo Salvini dopo l'esito delle amministrative ANSA

ROMA - "Salvini oggi torna a gridare 'mai con Alternativa popolare' mentre fino a ieri la Lega diceva 'sempre con'. Il centro moderato che Alternativa popolare rappresenta ha permesso la vittoria del centrodestra, non dico che abbiamo vinto noi, sia chiaro, ma che il nostro contributo, non solo numerico ma anche di programma e di moderatismo politico, è stato decisivo. E parlo di Genova, di La Spezia dove Ap ha preso il 6%, di Monza, di Sesto San Giovanni e ovviamente di Magenta, dove il neo-sindaco Chiara Calati, che è bravissima, è espressione proprio di Alternativa popolare. Se a Monza a Salvini apparentarsi con noi faceva schifo doveva dirlo prima». Lo ha detto Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, commentando i risultati delle amministrative. "Queste elezioni amministrative - ha aggiunto - sono un segnale che indica la direzione verso cui andare: il centro moderato. Il centrodestra vince quando imbocca questa strada. La controprova? A Padova hanno preferito un candidato estremista, lepenista, rissoso e non hanno avuto il nostro appoggio, né quello dei padovani, e il centrodestra a trazione Salvini ha perso. Noi al centro ci siamo, autonomamente, con la nostra serietà, il nostro coraggio e i nostri voti. E questa è una proposta politica di centro moderato alternativo al Pd per tutta Italia: a Catanzaro il centrodestra vince con il contributo del 10% di Ap, a Rieti con il nostro 5%, ed è così pure all'Aquila. La sintesi delle legittime differenze e sensibilità politiche che vivono nel centrodestra la fanno le persone, i candidati capaci di fare sintesi, unità e che non dividono. Ripeto, quando si sposta a destra il centrodestra perde".