Immigrazione

Scontro Cei-Lega sullo ius soli, Salvini sfida le Ong: «Aiutateli gratis»

Il segretario del Carroccio è intervenuto nuovamente nel dibattito politico sullo ius soli e ha attaccato direttamente il Pd, sostenendo che ha bisogno di nuovi iscritti al partito, e le Ong

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, è intervenuto nuovamente nel dibattito politico sullo ius soli.
Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, è intervenuto nuovamente nel dibattito politico sullo ius soli. (ANSA)

ROMA – E' scontro tra la Cei e la Lega Nord sullo Ius soli. Il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, Nunzio Galantino, è intervenuto del dibattito politico sostenendo che la Chiesa è preoccupata per come si è affrontato il problema in Aula e sottolineando che benché sia lecito che qualcuno sia contrario, «c’è chi ha cambiato idea. E ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse». Immediata la risposta da parte della Lega Nord e, in particolare, quella del segretario del Carroccio che ha approvato la condotta del Movimento 5 stelle – pur continuando a negare che ci sia mai stato un incontro con Davide Casaleggio - sostenendo che finalmente «hanno raggiunto posizioni di buon senso». Alla voce di Salvini si è unita anche quella del senatore leghista Sergio Divina.

La replica della Lega Nord al monsignor Galantino
Il senatore leghista Sergio Divina ha risposto al segretario della Cei – che aveva criticato anche la bagarre in Parlamento dei giorni scorsi - che «purtroppo siamo in un paese nel quale se non gridi o alzi la voce, tutto rimane nelle sabbie mobili dell'ingiustizia verso i nostri cittadini, i giovani, gli anziani, i pensionati virtuali creati dalla Fornero, se questa è l'anti politica ben venga l'antipolitica». La Lega Nord continuerà a fare la guerra allo Ius soli perché secondo il segretario del Carroccio «la sinistra ha bisogno o di nuovi elettori o di nuovi schiavi o di nuovi iscritti ai sindacati e per questo vuole regalare la cittadinanza a tutti».

Salvini lancia la sua sfida alle Ong
«Sono gli stessi immigrati che mi scrivono 'dateci la casa e il lavoro' e non il contentino della cittadinanza e basta. Il Pd è l'unico partito realmente razzista presente in Parlamento in questo momento», ha aggiunto Matteo Salvini intervenendo a "L'intervista" condotto da Maria Latella su SkyTg24. E prima di concludere il suo intervento ha lanciato una sfida alle Ong che aiutano i migranti: «Lancio una sfida alle Ong e alle associazioni vicine alla Chiesa che si occupano dei migranti: Fatelo gratis. Siccome parlate di generosità, i 4,5 miliardi di euro per 170mila persone, se davvero avete il cuore d'oro, spendiamoli in Africa per scavare pozzi d'acqua e costruire scuole – ha rincarato il segretario del Carroccio -. Altrimenti penso che ci sia gente che sulla pelle di questi poveretti si stia arricchendo", ha concluso Salvini.