17 febbraio 2020
Aggiornato 19:30
Urne aperte dalle 7

Al via le elezioni amministrative, 9 milioni di cittadini al voto per eleggere oltre mille sindaci

E' partito il conto alla rovescia, che si consluderà questa sera intorno alle 23. Queste elezioni amministrative sono un check importante in vista delle imminenti elezioni politiche

Oggi si vota in oltre mille comuni italiani per le elezioni amministrative.
Oggi si vota in oltre mille comuni italiani per le elezioni amministrative. ANSA

ROMA – E' partito il conto alla rovescia. Il giorno delle elezioni amministrative è cominciato. Oggi si vota in oltre mille città italiane per il rinnovo di sindaci e consigli comunali. Alle 7 sono stati regolarmente aperti i seggi delle 10.822 sezioni dove potranno votare gli oltre 9 milioni di elettori coinvolti da questa tornata elettorale. Per i maggiori partiti nazionali è una prova di forza fondamentale in vista dell'imminente appuntamento delle elezioni politiche.

Oggi è il giorno delle amministrative
Dal voto sono interessati bene quattro capoluoghi di regione: Palermo, Genova, L'Aquila e Catanzaro. E oltre venti capoluoghi di provincia: Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto, Trapani. Gli altri comuni sono minori, ma spesso si tratta di piccole grandi roccaforti di centrodestra o centrosinistra di importanza cruciale. Le operazioni di voto si concluderanno intorno alle 23 e gli eventuali ballottaggi si svolgeranno il 25 giugno. Particolarmente degno di nota è quanto avverrà nelle zone colpite dal sisma, dove il rischio di un voto di protesta si profila più forte che mai.

Sotto i riflettori le zone colpite dal sisma
Oggi si vota infatti anche in cinquanta Comuni abruzzesi e sono sei i Comuni con una popolazione superiore ai 15mila abitanti: L'Aquila, Avezzano, Ortona, San Salvo, Spoltore e Martinsicuro, dove è previsto il ballottaggio se nessuno dei candidati sindaci dovesse superare al primo turno la quota del 50 per cento dei voti validi. A L'Aquila si sfidano per il dopo Cialente sette candidati: Americo Di Benedetto, sostenuto da una vasta coalizione di centrosinistra; Pierluigi Biondi, candidato del centrodestra; Fabrizio Righetti, per il M5S; Carla Cimoroni (L'Aquila chiama), Nicola Trifuoggi (L'Aquila polis), Giancarlo Silveri (Riscatto popolare), Claudia Pagliariccio, espressione di Casapound.

Gli sfidanti di Avezzano
Sei gli sfidanti ad Avezzano. Il sindaco uscente, Giovanni Di Pangrazio (centrosinistra) Ci riprova con l'appoggio di 10 liste. Gli sfidanti sono: Gabriele De Angelis (7 liste collegate di centrodestra e movimenti civici); Francesco Eligi, candidato del M5S, Leonardo Casciere, Stefano D'Andrea, Nazzareno Di Matteo. Sette i candidati sindaci anche ad Ortona (Chieti). A San Salvo sarà corsa a quattro. Il sindaco uscente, Tiziana Magnacca (area centrodestra) si ripropone agli elettori con il sostegno di tre liste. Per il centrosinistra Gennaro Luciano, appoggiato dal Pd e altre due liste collegate, ma nella caccia alla poltrona di sindaco si inseriscono anche Angelo Angelucci e Osvaldo Menna, sostenuti da vari movimenti civici.