17 novembre 2019
Aggiornato 18:30
Sanità

Vaccini obbligatori, il botta e risposta tra Lorenzin e Di Battista che ha fatto scatenare il web

Botta e risposta tra il ministro Lorenzin e il deputato pentastellato Alessandro di Battista. Quest'ultimo aveva proposto vaccini gratis, non obbligatori. «Sono già gratuiti», la replica di Lorenzin. Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Bonaccini: «Provvedimento va condiviso con Regioni»

ROMA - Il decreto sull'obbligatorietà dei vaccini a scuola sarà varato entro una settimana. Il provvedimento sarà portato nel prossimo Consiglio dei ministri, convocato con molta probabilità per venerdì prossimo. Lo ha riferito il premier Paolo Gentiloni prima della riunione del Cdm che non si è occupata della questione. Sul testo nei prossimi giorni i dicasteri competenti lavoreranno a un articolato che arriverà alla prossima riunione del Cdm.
«Ho avuto conferma dal Presidente Gentiloni circa la volontà di avviare subito un approfondimento collegiale, che è già iniziato tra i tecnici della Salute, del Miur e della presidenza del Consiglio, per arrivare a varare il decreto entro la prossima settimana». E' quanto dichiara il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.
Si sgonfia così almeno per il momento un caso che aveva agitato le acque del governo. Con il richiamo alla collegialità da parte del premier è stato coinvolto il ministero dell'Istruzione. «Ho sempre detto che sono favorevole all'obbligo di vaccinazione. Tanto più se il ministero della Salute segnala l'esistenza di un'emergenza nazionale»: così la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Valeria Fedeli.

Lorenzin a Di Battista: «Sono già gratuiti»
Botta e risposta tra il ministro Lorenzin e il deputato pentastellato Alessandro di Battista. Quest'ultimo aveva proposto vaccini gratis, non obbligatori. «Sono già gratuiti», la replica di Lorenzin. Il governo ha infatti reso gratuite tutte le vaccinazioni lo scorso gennaio, fino ad allora a pagamento in alcune regioni e gratis in altre.

Bonaccini: «Provvedimento va condiviso con Regioni»
«Prima di annunciare» un provvedimento nazionale sui vaccini il governo Gentiloni dovrebbe «condividerlo» con i presidenti delle Regioni, però va «benissimo». Lo ha scritto sul proprio profilo Facebook, Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni.
«Il governo fa benissimo a fare un provvedimento nazionale sui vaccini - ha scritto Bonaccini -. Magari prima di annunciarlo lo condividano». Ma «la mia posizione da Presidente dell'Emilia-Romagna, come quella del Pd nazionale, è chiara: fare subito un provvedimento sui vaccini obbligatori».
«Qualcuno spieghi a Di Battista che col Piano Nazionale i vaccini sono già gratuiti, così evita di fare figuracce come ieri sera in tv», ha aggiunto il governatore in calce al post, rivolgendosi all'esponente 5 Stelle.