27 settembre 2020
Aggiornato 22:30
Voragine a Roma

Meloni: «Le periferie romane sono terra di nessuno»

Una delegazione di esponenti di Fratelli d'Italia ha effettuato un sopralluogo in via di Centocelle a Roma, dove si è aperta una voragine tra due palazzine di case popolari. La candidata a sindaco: «Servono investimenti contro il degrado».

ROMA - Una delegazione di esponenti di Fratelli d'Italia ha effettuato un sopralluogo in via di Centocelle a Roma, dove si è aperta una voragine tra due palazzine di case popolari: «Basta chiacchiere, servono investimenti contro degrado», ha commentato la presidente del partito e candidata a sindaco della capitale Giorgia Meloni, con un post su Facebook, dove ha pubblicato anche la voragine, oggetto del sopralluogo.

Le periferie romane sono terra di nessuno
«Da giorni - ha sottolineato Meloni - i cittadini, allarmati da una sospetta perdita d'acqua, sollecitavano l'intervento delle autorità competenti per evitare un disastro annunciato. Ma nessuno si è degnato di fare qualcosa e ora 14 famiglie sono per strada». E ora «molte di queste sono costrette a dormire in macchina per la paura che la loro casa venga occupata abusivamente».
«Le periferie romane - ha attaccato il presidente di Fratelli d'Italia - sono ormai terra di nessuno e quello di Centocelle non è né il primo né l'ultimo caso. Basta chiacchiere: a Roma servono investimenti adeguati per prevenire degrado e incuria, che mettono a rischio l'incolumità dei romani. A partire dal rafforzamento dell'Ufficio di Prevenzione Rischio Idrogeologico del Comune di Roma, che in questi ultimi anni è stato al contrario fortemente ridimensionato».