27 settembre 2020
Aggiornato 23:30
nessun ripensamento

Roma, Berlusconi: «Niente capricci su Bertolaso. Significherebbe consegnare a Renzi la città»

Il centrodestra è spaccato in due: da un lato la candidatura di Guido Bertolaso sostenuta dall'ex Cav, dall'altro quella di Giorgia Meloni sostenuta anche dalla Lega Nord

ROMA - Il leader di Forza Italia non cede di un millimetro. Nonostante gli appelli per l'unità del centrodestra, da parte di Giorgia Meloni e Matteo Salvini, Silvio Berlusconi non è disposto ad arretrare sulla candidatura di Guido Bertolaso. 

Berlusconi: Sarebbe una sciagura dividersi
«Sarebbe una sciagura se il centrodestra si dividesse, a Roma la campagna elettorale farà sì che le persone ragionino con il buonsenso e scelgano Bertolaso, che è il numero uno al mondo per quanto riguarda le emergenze». Lo ha detto l'ex premier Silvio Berlusconi in diretta a Rtl 102.5. Berlusconi spera ancora che su Bertolaso si ricompatti il centrodestra, «sono tranquillo sul fatto che non ci possa essere questo capriccio di Roma, significherebbe consegnare l'Italia alla sinistra e a Renzi» ha concluso.

"Spero prevalga i modello Milano"
Berlusconi si è detto convinto che da parte degli alleati, Fdi e Lega, ci sia «un errore di valutazione delle possibilità di Bertolaso che è il candidato che ha più chance di essere riconosciuto dai romani come chiave per risolvere i problemi». Da parte degli alleati «certamente è mancata la parola data» e in questo senso sarebbe a rischio l'unità del centrodestra «ma io spero prevalga il modello Milano» ha concluso Berlusconi.

Tra Pd e M5S vincerebbero i grillini
Il Cavaliere si dice convinto della vittoria di Bertolaso: «Sono sicuro che al ballottaggio a Roma ci sarà Bertolaso e dentro di me penso che, se questi prossimi due mesi saranno una possibilità da parte dei romani di conoscere Bertolaso e il suo programma, vincerà al primo turno».Se così non fosse, però, «un ballottaggio tra Pd e M5S vedrebbe vincenti sicuramente i cinque stelle perchè voterebbero per loro la sinistra dem e una parte della Lega e sarebbe una catastrofe" , ha sentenziato l'ex Cav. Ma quale sarebbe l'indicazione di voto di Forza Italia tra Pd e M5S? «Non mi faccia scegliere tra due mali» ha concluso Berlusconi.