18 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
lunedì la candidata grillina incontrerà cantone

Comunali, Raggi: «Roma è ostaggio della corruzione, ma noi cambieremo le cose»

Secondo la candidata grillina "ci hanno lasciato una città sull'orlo del baratro, ma noi possiamo risorgere"

ROMA - «Ho chiesto un incontro al presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone, con l'obiettivo di approfondire i lavori svolti dall'organismo che presiede e, in particolare, l'ultima relazione su Roma resa nota il 10 marzo scorso. Lo ringrazio per aver accolto la mia richiesta», ha annunciato in un post su Facebook la candidata sindaco di Roma del M5S Virginia Raggi.

Raggi: Noi cambieremo la città
«L'ultima fotografia scattata dall'Anac su Roma è assai preoccupante, anche se purtroppo non sorprende - ha dichiarato la candidata pentastellata -. Negli ultimi anni siamo stati ostaggio di un sistema teso principalmente a riempire le tasche di pochi, sempre a scapito dei cittadini romani. Corruzione capitale, in ogni ambito pubblico, dove moltissime gare e lavori sono stati affidati a chiamata diretta nel totale silenzio, o peggio ancora con la compiacenza, delle precedenti amministrazioni di centrodestra e centrosinistra. Ci hanno lasciato una città sull'orlo del baratro, ma possiamo risorgere, basta la volontà politica. Ci vogliono impegno e un grande coraggio per provare a cambiare la Capitale - ha concluso la Raggi -. Noi ce l'abbiamo».