16 ottobre 2019
Aggiornato 06:00
Mozione di sfiducia alla Camera

Meloni replica alla Boschi: «Questo è un Governo che truffa la gente»

Lo ha detto il presidente di Fratelli d'Italia durante le dichiarazioni di voto sulla sfiducia al ministro Boschi: «Ma è l'intero Esecutivo che è in conflitto d'interessi». Intanto Forza Italia non partecipa al voto: «Deve chiarire il Governo».

ROMA - «Il Governo Renzi ha dimostrato di essere un vergognoso comitato di affari a difesa degli amici, delle banche e delle lobby». Lo ha detto il presidente di Fdi, Giorgia Meloni, durante le dichiarazioni di voto sulla sfiducia al ministro Boschi. «Questo caso - aggiunge - è una specie di bignami del renzismo: difesa degli interessi delle banche e di quelli degli amici del governo».
«Non è arrivato dal ministro Boschi - sottolinea - nessun chiarimento. Suo padre è stato commissariato non dal governo ma da Bankitalia. Il problema è che non solo il ministro Boschi ma l'intero governo Renzi nel complesso vive di conflitti di interessi e di logiche opache, cui va la nostra sfiducia».
«Noi - conclude - votiamo la sfiducia al ministro Boschi ma lo facciamo aspettando di votare a testa alta una mozione di sfiducia a tutto il governo perché questo è un governo che truffa la gente».

Forza Italia non partecipa al voto: deve chiarire il Governo
«Forza Italia non parteciperà al voto sulla mozione di sfiducia individuale contro il ministro Boschi, per una linea di coerenza. Forza Italia non crede nella responsabilità individuale ma nella responsabilità collegiale». E per questo «presentiamo una mozione di fiducia nei confronti del governo». Lo ha confermato Alberto Giorgetti, deputato di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio durante la discussione sulla mozione di sfiducia nei confronti del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, presentata dal M5S in seguito ai provvedimenti del governo sulle banche.
«Noi speriamo che il governo e il ministro Boschi possano utilizzare questa giornata per fare chiarezza nei confronti degli italiani. La mozione di sfiducia individuale è stata utilizzata più volte dal Pd, ricordo in particolar modo il capogruppo Franceschini nei confronti del ministro Bondi, per problemi che riguardavano i beni culturali, e altri interventi, e oggi credo che il Pd non possa dare lezioni a nessuno su questo argomento. Voi avete utilizzato strumenti che riguardavano la mozione di sfiducia individuale con un utilizzo politico che è stato sconsiderato in passato. Forza Italia non cade in questo tranello».

Vogliamo parlare di quello che accadrà in futuro
«Il tema di oggi è la fiducia dei risparmiatori nel governo, la fiducia dei risparmiatori rispetto ai presidi che voi avete attivato, che sono a nostro modo di vedere insufficienti e che dimostrano fiato corto. Noi non vogliamo parlare solo di quello che è accaduto nella Banca Popolare dell'Etruria e negli altri istituti, noi vogliamo parlare di quello che accadrà in futuro. I provvedimenti che ha attivato il governo, e di cui discuteremo in legge di stabilità nelle prossime ore, sono insufficienti per il futuro. E' chiaro che c'è una responsabilità - e da qui la sfiducia al governo - sulle scelte fatte fino ad oggi da questo esecutivo, sono scelte incerte, scelte balorde: mettere in discussione la tenuta delle banche popolari con un radicamento storico e territoriale, adesso l'annuncio scomposto di una ulteriore iniziativa che riguarda la trasformazione delle banche di credito cooperativo, tradizionalmente radicate sul territorio, con finalità mutualistica, una destabilizzazione ulteriore. Noi - ha concluso - siamo per la tutela dei risparmiatori, per tranquillizzare gli italiani. la sfiducia non è nei confronti del ministro Boschi, riteniamo che gli italiani oggi siano preoccupati e abbiamo sfiducia in questo governo. Il governo deve dare risposte e fare chiarezza».