10 dicembre 2019
Aggiornato 00:00
Mattarella ha ricevuto la presidente di FDI

Immigrazione, Meloni: «Quella di Renzi è una umanità da quattro soldi»

Secondo la presidente di FdI i profughi siriani fuggono dai carnefici dell'Isis e l'unico modo per aitarli è combattere il terrorismo

ROMA (askanews) - «È un'umanità da quattro soldi quella di cui si vanta Matteo Renzi. È vero, solo delle bestie potrebbero rimanere insensibili di fronte al dolore dei profughi che scappano dalla guerra, davanti alle morti in mare e al cospetto della straziante immagine del corpo del piccolo Aylan riverso sulla spiaggia. Eppure c'è qualcosa di ancora peggiore dell'indifferenza di alcuni ed è la viltà di chi potrebbe fermare l'orrore e preferisce, invece, girare lo sguardo da un'altra parte». È quanto scrive in un intervento sul quotidiano 'Libero' il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

Meloni: L'Europa è vigliacca
«Perché i profughi siriani, e con loro molti altri - aggiunge - non fuggono da una calamità naturale, da un'eruzione vulcanica che ha distrutto le loro case. Fuggono dai carnefici dell'Isis. Per un qualche pudore diverso da quello riservato alla foto di Aylan, i principali mezzi di informazione hanno deciso di non mostrare le immagini delle atrocità commesse da questi fanatici islamici. Sono immagini e racconti che non ti fanno dormire la notte: uomini, donne e bambini torturati e trucidati, corpi mutilati, crocifissi, decapitati. Bambine yazide e cristiane vendute come schiave sessuali, violentate, uccise. Ma l'umanità della sinistra e di questa Europa vigliacca non arriva fino a loro».

Per aiutare davvero i profughi bisogna combattere l'Isis
«L'umanità un tanto al chilo di Renzi e della Merkel è riservata a chi riesce ad arrivare a ridosso dei nostri confini. Nessuna pietà, invece, per chi non riesce neanche a scappare. Mi dispiace ma di questa presunta umanità non riesco proprio ad andare fiera». Invece per Meloni l'unica «soluzione seria e praticabile» sarebbe «intervenire con decisione, anche militarmente, al fianco dei governi legittimi che combattono i tagliagole dell'Isis per mettere fine alla guerra e l'orrore. Questa è la proposta che l'Italia metterebbe sul tavolo il 14 settembre al vertice europeo europeo sui migranti, se solo avesse una guida politica».

Mattarella ha accolto la mia richiesta
Il presidente della Repubblica «ha tenuto ad incontrarmi per ribadirmi che anche dal suo punto di vista, in qualità di garante della Costituzione, considera una anomalia che un ufficio del Governo mandi a una parlamentare eletto una missiva per richiamarlo sulle posizioni espresse", ha riferito la presidente di Fratelli d'Italia, a margine dell'incontro al Quirinale con il capo dello Stato Sergio Mattarella. «Questo pomeriggio - ha spiegato - sono stata ricevuta dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al quale avevo chiesto un incontro dopo aver ricevuto una curiosa lettera di censura dalla presidenza del Consiglio dei ministri - Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) per le mie proposte in tema di immigrazione».

Cosa ne pensa Matteo Renzi?
«Volevo sapere dal nostro capo dello Stato se in Italia c'è ancora qualcuno che difende i valori della Carta Costituzionale e quella libertà secondo la quale tutti possono esprimere il loro pensiero - ha proseguito la parlamentare - Il presidente Mattarella ha accolto la mia richiesta. Ora - ha aggiunto Meloni - aspetto di sapere che cosa ne pensa il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che anche su questa vicenda non ha avuto il tempo di esprimere un parere. Renzi dica cosa intende fare per evitare che gli italiani continuino a essere raggiunti da lettere di censura di Palazzo Chigi. Attendiamo che il presidente del Consiglio e che questo Governo dicano che ai parlamentari dell'opposizione è ancora data la facoltà e la possibilità di dire quello che pensano».