20 novembre 2019
Aggiornato 20:30
A Roma il futuro della Sinistra

Civati: «C'è spazio a sinistra del PD»

«Prima tappa è fare un movimento che abbia profilo di governo». Cofferati: «C'è un mondo senza rappresentanza perché il Partito democratico ha cambiato natura». Fratoianni: «Percorso politico, non pensiamo a leader». Ferrero: «Con Fassina e Civati si può fare Syriza italiana».

ROMA - Il Partito democratico «è ormai un partito di centro» e per questo motivo «c'è un grande spazio alla sua sinistra». Lo ha detto Pippo Civati, arrivando al teatro Palladium di Roma, per prendere parte all'assemblea sul futuro della sinistra organizzata da Stefano Fassina.
«Qui oggi - ha proseguito Civati parlando con i cronisti - ci sono storie diverse, secondo me la prima tappa è fare un movimento che abbia un profilo di governo, che mobiliti le persone e che scelga di organizzarsi in modo inedito».

Cofferati: Il PD ha cambiato natura
A giudizio di Sergio Cofferati, uno dei fondatori del Partito democratico che ha poi abbandonato dopo lo scontro sulle primarie in Liguria, «c'è un grande spazio a sinistra del Pd che va riaperto. C'è un mondo senza rappresentanza perché il Partito democratico ha cambiato natura».
Arrivando all'assemblea dei «delusi» del Pd, Cofferati ha lanciato però un avvertimento: «Non dobbiamo parlare di partito - ha detto - non facciamo, come si è fatto in passato con esiti negativi, l'errore di mettere insieme l'esistente».

Fratoianni: Percorso politico, non pensiamo a leader
«Lo abbiamo detto in tutte le lingue possibili, siamo pronti a scioglierci per favorire la nascita di un nuovo soggetto politico»: Nicola Fratoianni, coordinatore di Sel, lo ha ribadito ai cronisti parlando a margine dell'assemblea «Scuola lavoro democrazia, futuro a sinistra».
Il problema della leadership di questo ipotetico nuovo soggetto politico non è attuale, a giudizio di Fratoianni: «Proviamo a ricostruire a partire dalle idee per un programma, a rimettere in campo la democrazia: anche la forma con la quale ci si organizza va definita insieme. Dobbiamo evitare come la peste che diverse personalità si mettano in concorrenza per la leadership, sfioreremmo il ridicolo...».

Ferrero: con Fassina e Civati si può fare Syriza italiana
Anche Rifondazione comunista è interessata all'ipotesi di un nuovo soggetto politico comune della sinistra, resa nuovamente attuale dall'uscita di alcune personalità note dal Partito democratico. Lo ha detto Paolo Ferrero, che ha preso parte all'assemblea organizzata oggi a Roma dall'ex viceministro dem Stefano Fassina. «Da molti anni ci lavoriamo, ora c'è l'occasione per costruire anche in Italia un soggetto politico come Syriza».
Secondo Ferrero «serve dar vita a un processo costituente che riesca ad allargare il campo: molta sinistra non sta nel Pd e nemmeno in Rifondazione ma nei movimenti e nella società civile».