19 giugno 2021
Aggiornato 04:30
La polemica sui rom infiamma politica e web

Salvini: il popolo del web, sui rom, è con me

Il leader della Lega si dice stupito, a sua volta, dallo stupore mediatico sollevatosi intorno alle sue dichiarazioni a proposito dei rom. E afferma di avere al suo fianco il 90% degli utenti che lo seguono via web, ma anche il 95% degli italiani. Compresi, tra questi, i rom onesti, che pagano le tasse.

MILANO (askanews) - «Quello che ho detto penso sia banale e di buon senso. Ma quello che mi ha dato soddisfazione è che il 90 per cento dei commenti sui siti internet dice che è d'accordo». Lo ha detto il segretario della Lega nord Matteo Salvini, intervistato da Radio Padania, riguardo le polemiche attorno alla frase da lui pronunciata: «Raderei al suolo i campi rom».

BOLDRINI VS. SALVINI - Nessun passo indietro, insomma, dal leader della Lega, neppure dopo aver assisitito al polverone mediatico sollevato dalle sue dichiarazioni. Il botta e risposta sui campi rom tra Salvini e la presidente della Camera Laura Boldrini è stato particolarmente duro, e ha tenuto banco per tutta la giornata di ieri. Un confronto che non casualmente si è sviluppato durante la celebrazione della Giornata internazionale dei Rom e Sinti. Per un Salvini che ha proposto di «radere al suolo» i campi c'è la Boldrini che ha trovato «inquietante» l'espressione usata dalla guida del Carroccio.

TONI DA CAMPAGNA ELETTORALE - E' di tutta evidenza come il concetto espresso da Salvini non sia affatto nuovo, ma le parole usate si inseriscono nell'ormai avviata campagna elettorale per le prossime elezioni regionali, dove la Lega Nord tenta di proporsi quale principale punto di riferimento della destra italiana. Così come anche le reazioni (Boldrini a parte) scontano il clima elettorale sempre più arroventato. «Cosa farei io al posto di Alfano e di Renzi? Con un preavviso di sfratto di sei mesi raderei al suolo i campi rom», ha detto Salvini, aggiungendo di essere pronto a dare «un preavviso di sfratto di sei mesi e preannuncio la ruspa». E i rom «come tutti gli altri cittadini, si organizzano, comprano o affittano una casa».Salvini ha ricordato che i campi «in Europa non esistono».

STUPITO DALLO STUPORE DEI GIORNALI - Immediata è giunta la replica di Boldrini, che, incontrando i rappresentanti della Associazione 21 luglio, ha detto di «trovare abbastanza inquietante questo verbo 'radere'». Certo, ha aggiunto, «ritengo che i campi rom non debbano essere mantenuti, però ci devono essere soluzioni abitative alternative». Eliminare i campi, ha detto ancora, «non vuole dire annientare chi vi abita». Non si è fatta attendere la controreplica di Salvini che si è detto «stupito dello stupore dei giornali. Lo dico da tempo. Radere al suolo avendo garantito diritti e doveri - ha affermato - può inquietare la signora Boldrini ma non il 95% degli italiani compresi i rom per bene che pagano le tasse». Riguardo la proposta di adottare «politiche abitative ad hoc», è una «follia - ha osservato il leader leghista - non le abbiamo abbiamo per i bergamaschi, figuriamoci per i rom. E' inquietante che la Boldrini sia la presidente della Camera». Ma, ha chiesto retorico Salvini su facebook, «i sinistri che mi insultano e difendono i loro amici Rom, lo prendono l'autobus, vanno al mercato, vivono vicino a un campo? 'Buoni' a spese degli altri, avete rotto le palle».