21 maggio 2019
Aggiornato 10:30
Rifiuti | Emergenza rifiuti Palermo

Palermo, Coime e AMIA insieme per rimuovere spazzatura

Il personale Coime, supporterà quello della Società Amia con l'ausilio di due mezzi pesanti ed una pala gommata. L'utilizzo di questi mezzi avverrà sino alla conclusione del periodo emergenziale e, comunque, non oltre il prossimo 31 agosto

PALERMO - Il Comune di Palermo annuncia in una nota di essere costantemente impegnato per far fronte alla gravissima emergenza rifiuti che ha colpito la città negli ultimi giorni a seguito dell'incendio della discarica di Bellolampo.
Considerato che con il perdurare dell'emergenza in molte zone della città l'accumulo dei rifiuti rischia di causare significativi problemi di salute pubblica, questa mattina, prosegue la nota, l'assessore Francesco Giambrone, d'intesa con il sindaco Leoluca Orlando e su delega dello stesso, ha firmato un'ordinanza sindacale con la quale da domani la struttura operativa del Coime collaborerà con il personale dell'Amia per la raccolta dei cumuli di rifiuti ancora esistenti, e specialmente nelle zone periferiche della città.

Azienda potrà contare su ausilio pala gommata e due mezzi pesanti - Il personale Coime, supporterà quello della Società Amia con l'ausilio di due mezzi pesanti ed una pala gommata. L'utilizzo di questi mezzi avverrà sino alla conclusione del periodo emergenziale e, comunque, non oltre il prossimo 31 agosto.
L'ordinanza sindacale segue la disposizione con la quale il Comune ha consegnato nei giorni scorsi all'Amia otto auto compattatori ottenuti dal tribunale da beni confiscati alla mafia. Il Dirigente del Coime Francesco Teriaca è già entrato in contatto con l'Amia per valutare le aree di intervento sulle quali agire d'intesa prioritariamente: si inizierà con la zona di Acqua dei Corsari. Le altre aree interessate alla raccolta dei cumuli di rifiuti comprenderanno, tra l'altro, Bonagia, Falsomiele, Zen. La situazione emergenza rifiuti a Palermo è anche costantemente seguita dall'Assessore Tullio Giuffrè a capo del tavolo tecnico di intervento.