26 settembre 2022
Aggiornato 11:30
Politica & Giustizia

Intercettazioni: Caselli, stop ascolti? E' come abolire le radiografie

Il Procuratore capo di Torino: «Argomento fragile dire che i Magistrati sono diventati pigri»

ROMA - Niente intercettazioni? Come proibire le radiografie ai medici. Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Torino Gian Carlo Caselli, ospite di In onda su La7. «Affermare che i magistrati siano diventati pigri e che usino la rete delle intercettazioni come la modalità di inchiesta più comoda - ha affermato - è un argomento di una fragilità sconvolgente».
«Pretendere che i magistrati rinunzino allo strumento delle intercettazioni o ne riducano le potenzialità operative - ha aggiunto - è come pretendere che i medici rinuncino alle radiografie, alle tac, alle risonanze magnetiche».