22 febbraio 2020
Aggiornato 17:30
Atreju 2011

Meloni: «Primarie anche se si candida Berlusconi»

«Almeno per ricevere il bagno di folla che merita». La replica di Vitali al Ministro della Gioventù: «Il Premier non ha bisogno di primarie»

ROMA - «Le primarie? Si devono fare, comunque, anche con Berlusconi, anche lui se decidesse di candidarsi deve sottoporsi alle primarie per la designazione del premier, quantomeno per ricevere il bagno di folla che merita. Anche perchè lui è l'inventore di questo tipo di democrazia». Lo ha dichiarato il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, durante la festa dei giovani del Pdl.
Una posizione che contrasta con quella espressa qualche giorno fa dal segretario del Pdl, Angelino Alfano, che invece aveva escluso le primarie per l'eventuale candidatura di Berlusconi.

Vitali a Meloni: «Berlusconi non ha bisogno di primarie» - «Berlusconi non ha bisogno di sottoporsi al rito delle primarie se dovesse decidere di ricandidarsi nel 2013». Così Luigi Vitali, componente del direttivo parlamentare del Pdl, replica al ministro della Gioventù, Giorgia Meloni. «Chi all'interno del nostro partito sostiene il contrario è fuori dal mondo e contribuisce a creare confusione nel nostro elettorato, consentendo insperati sussulti all'opposizione».
«Berlusconi - aggiunge Vitali - che ha riformato completamente la classe dirigente di questo Paese ha il diritto di essere mandato a casa solo dagli elettori. Il suo ritiro dalla politica, infatti, oltre che agli italiani, lo può decidere solo lui», conclude.