18 novembre 2019
Aggiornato 02:30
Caso escort

Giovanardi: consiglio più sobrietà e meno esibizione

Il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio: «Dal Cardinale Tettamanzi un richiamo dovuto per i Cattolici»

ROMA - «Da amico io gli direi: tieni un atteggiamento diverso. Più sobrio». Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi, intervenendo a 24 Mattino su Radio 24, si è idealmente rivolto a Silvio Berlusconi dopo le ultime rivelazioni dei giornali sulla vita privata del premier. » E' sempre difficile dire a una persona di comportarsi in un certo modo - ha aggiunto Giovanardi - e vanno anche verificate tutte le voci di questi giorni, ma non ho difficoltà a dire che un atteggiamento meno esibito sicuramente servirebbe a lui, per sottolineare il fatto, vero, di impegni massacranti quotidiani: l'esibizione dei momenti in cui stacca fatta in questa maniera è controproducente».

Il richiamo di Tettamanzi - Nulla quaestio dunque, per Giovanardi, anche sul monito dell'Arcivwscovo di Milano Dionigi Tettamanzi contro la «immoralità dilagante» nella vita pubblica italiana.
«Ci mancherebbe altro - ha commentato il Sottosegretario alla Presidenza- che il Cardinale, che mi ha personalmente garantito la sua gradita presenza alla Conferenza nazionale sulla famiglia, non continuasse a pronunciare parole che giustamente sono in sintonia con una visione delle cose che viene dal mondo cattolici».