6 dicembre 2019
Aggiornato 15:31
Social network

Facebook: da inizio anno eliminati 5,4 miliardi di account falsi

Il colosso dei social media statunitensi afferma di aver «migliorato la sua capacità di rilevare e bloccare» la creazione di un account «falso o offensivo»

Il logo di Facebook
Il logo di Facebook ANSA

NEW YORK - Facebook ha annunciato di aver rimosso 5,4 miliardi di account falsi dall'inizio dell'anno, registrando così il numero più alto di utenti falsi eliminati rispetto ai 2,1 miliardi dello stesso periodo nel 2018. Nel suo rapporto biennale sulla trasparenza, il colosso dei social media statunitensi afferma di aver «migliorato la sua capacità di rilevare e bloccare» la creazione di un account «falso o offensivo» al punto da prevenire milioni di tentativi ogni giorno.

Da gennaio a marzo, Facebook afferma di aver cancellato 2,2 miliardi di account, un record. «Man mano che blocchiamo sempre più account falsi ancor prima che vengano creati, abbiamo sempre meno da disabilitare e i nostri interventi sono diminuiti dal primo trimestre», ha affermato la società di Menlo Park. Le eliminazioni sono rimaste a livelli molto elevati.

Gli «sforzi» di Facebook

Dopo il sospetto di manipolazione alle elezioni americane del 2016, Facebook e altre piattaforme sociali hanno reagito con un arsenale di misure gradualmente implementate dal 2018 per combattere account falsi e disinformazione. La rete principale sta inoltre intensificando gli sforzi, compresa la trasparenza, per ripristinare la fiducia con i suoi utenti, in particolare per i governi che cercano di esercitare un maggiore controllo sulle sue applicazioni e sui suoi dati.

Questo rapporto indica che le autorità statunitensi hanno effettuato oltre 50.000 richieste per ottenere dati dagli utenti di Facebook da gennaio a giugno 2019, un dato che è aumentato del 23% rispetto al semestre precedente. Nella maggior parte dei casi, si tratta di richieste legali, basate su decisioni giudiziarie, ma possono anche essere «emergenze». «Se una richiesta sembra ingiustificata o troppo ampia, ci difendiamo e la combattiamo in tribunale se necessario. Non forniamo 'backdoor' che aprono le informazioni delle persone, insiste Facebook. Nel primo semestre, le richieste del governo americano sono cresciute del 16% a oltre 128.000 in tutto, con India e Regno Unito al secondo e terzo posto, seguite da Germania e Francia.

Presidenziali 2020

Dopo diversi scandali sulla sua gestione dei dati personali, la piattaforma globale sta intensificando gli sforzi per ripristinare la fiducia, in particolare in vista delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020.