3 dicembre 2022
Aggiornato 19:00
Stati Uniti

L'account Twitter di Donald Trump ripristinato da Elon Musk

Dopo il risultato di un sondaggio lanciato tra i suoi iscritti. Hanno risposto più di quindici milioni e il 51,8% ha votato a favore del "sì" al ritorno del tycoon repubblicano sulla piattaforma.

L'account Twitter di Donald Trump ripristinato da Elon Musk
L'account Twitter di Donald Trump ripristinato da Elon Musk Foto: ANSA

NEW YORK - «La gente ha parlato. Trump sta per essere reintegrato». Così il ritorno di Donald Trump su Twitter è stato annunciato questa notte dal suo nuovo capo, Elon Musk, dopo il risultato di un sondaggio lanciato tra i suoi iscritti. Hanno risposto più di quindici milioni e il 51,8% ha votato a favore del «sì» al ritorno del tycoon repubblicano sulla piattaforma.

Pochi minuti dopo il messaggio di Elon Musk, era di nuovo visibile l'account di Donald Trump, con l'ultimo tweet datato 8 gennaio 2021. Il numero degli iscritti era irregolare, salendo in meno di due ore a 3 milioni prima di ridiscendere bruscamente.

Twitter aveva bandito Donald Trump l'8 gennaio 2021, due giorni dopo che i suoi sostenitori avevano invaso il Campidoglio, a fronte del «rischio di ulteriore incitamento alla violenza». Ritenendo che questa sanzione costituisse «una decisione folle all'estremo», Elon Musk aveva accennato a maggio a un possibile ritorno dell'ex presidente repubblicano sulla piattaforma.

Ovazione e critiche per Trump a manifestazione Gop

L'ex presidente Donald Trump ha ricevuto una standing ovation questa notte a Las Vegas durante un evento del Partito repubblicano, ma diversi leader conservatori lo hanno criticato per i recenti risultati deludenti delle elezioni di Midterm.

Nel suo primo discorso da quando ha annunciato la sua candidatura alla Casa Bianca per il 2024 martedì, Donald Trump, 76 anni, ha elogiato il suo mandato, rifiutandosi di assumersi la responsabilità dei risultati elettorali dei repubblicani, e in particolare dei suoi 'candidati', alle elezioni di Midterm dell'8 novembre.

Trump ha detto che il Gop era «molto più grande e più potente di quanto non fosse prima del mio arrivo» prima di mettere ancora una volta in dubbio la vittoria di Joe Biden alle presidenziali del 2020.

Diversi suoi critici che lo avevano preceduto avevano invitato a voltare pagina e a scommettere su una «leadership forte». «Ho una grande politica per il Partito repubblicano. Smettiamola di sostenere pazzi candidati non ammissibili alle nostre primarie», ha detto il governatore del New Hampshire Chris Sununu, senza nominare Trump.

L'ex governatore del New Jersey Chris Christie è stato più diretto e ha insistito nel ritenere Donald Trump responsabile dell'esito delle elezioni di Midterm. «Donald Trump ha scelto i candidati con un criterio, uno solo. Se credevano o meno che le elezioni presidenziali del 2020 fossero state rubate», ha lanciato l'ex governatore, rivolgendosi alla folla poche ore prima dell'ex presidente.